Please wait..

Che cos’è il power yoga: ecco tutto quello che c’è da sapere

Fare esercizio fisico è una pratica fondamentale per ottenere un ottimo benessere fisico e mentale. Tra tutte le discipline che si possono fare da soli a casa, una di quelle più interessanti è il power yoga, perfetto per combattere lo stress quotidiano.

Si tratta, come dice la parola, di uno yoga power: una versione potenziata dello yoga classico, che prevede posizioni più rapide e dinamiche e esercizi che si ispirano al fitness occidentale. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere sul power yoga, i suoi benefici e le posizioni più diffuse.

Cos’è il power yoga e tutti i suoi benefici

Il power yoga è una disciplina che unisce lo yoga più tradizionale e le esigenze di un tipo di allenamento tipicamente occidentale. Come la sua versione classica, il power yoga deve essere svolto in un ambiente calmo, con musica tranquilla di sottofondo che stimoli il relax mentale. Rispetto allo yoga normale, però, in questo caso gli esercizi da seguire vogliono mantenere l’elasticità muscolare e articolare, e vogliono proporre un modo sano di stimolare il cardiocircolatorio e allenare tutte le parti del corpo.

Grazie al power yoga, infatti, si possono mantenere allenati tutti i muscoli, si può stimolare il cuore senza sforzi eccessivi e si può aumentare la capacità polmonare, riuscendo allo stesso tempo ad abbassare i livelli di stress. Trattandosi di un allenamento efficace ma leggero, il power yoga è adatto a ogni età e anche a chi è fuori forma. L’ideale è svolgere 2-3 allenamenti settimanali, da 40-50 minuti, e i risultati si faranno subito vedere.

Gli esercizi base del power yoga

Sono tantissimi gli esercizi che si possono fare durante un allenamento di power yoga, ma alcune posizioni sono particolarmente conosciute per la loro grande efficacia.

Una di queste è quella nota come posizione del cobra, eccellente per chi ha bisogno di lavorare sulla parte alta della schiena e ottima per distendere muscoli intorpiditi per via di una postura sbagliata. Stando proni a terra con i piedi all’indietro, si posizionano le mani a terra in linea con le spalle, e poi si spinge il torace fino a creare un arco tra la colonna vertebrale e il collo, da piegare all’indietro.

Per rafforzare le gambe, invece, la più usata è la posizione del triangolo, utile anche ad aprire spalle e petto. Per ottenerle, bisogna aprire lateralmente le gambe, ruotare il piede destro di circa 90°, allargare le braccia parallele al terreno e flettere il busto destra per far toccare terra alla mano. L’altro braccio va verso il cielo e la testa ruota verso l’altro, poi si ripete la stessa operazione ma con il lato sinistro.

La posizione del cane a testa in giù viene presa in prestito dallo yoga tradizionale, ed è perfetta per allungare la schiena e migliorare l’elasticità di spalle e gambe. Si parte a quattro zampe, si sposta il bacino verso i piedi e si mantengono le braccia distese. A questo punto, inspirando, si spinge sulle braccia sollevando il bacino e si distendono le gambe, ripetendo più volte l’intera sequenza.

Autore

Show More

Related Articles

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker