Home Eventi Mostra su Leonardo Castellani a Mantova, fino al 4 marzo 2021

Mostra su Leonardo Castellani a Mantova, fino al 4 marzo 2021

Arriva a Mantova la mostra dedicata a Leonardo Castellani

Fino al 4 marzo 2021 non perdete a Mantova la mostra tutta dedicata al pittore Leonardo Castellani. A 125 anni dalla sua nascita, la Galleria Arianna Sartori. Arte Object Design presenta un’interessante selezione di 50 incisioni dell’artista, realizzate con la tecnica dell’acquaforte e della puntasecca.

Orario di apertura

Dal lunedì al sabato, dalle ore 10:00-12:30/15:30-19:30

N.B. Per partecipare alla mostra è necessaria la prenotazione

Chi era Leonardo Castellani

Leonardo Castellani (Faenza, 19 ottobre 1896 – Urbino, 20 novembre 1984) è stato un pittore e scrittore italiano; fu un eccellente incisore calcografico. 

Fin dalla sua gioventù sperimentò varie tipologie artistiche, dall’intaglio del legno fino alla pittura, passando per la scultura, la decorazione di locali pubblici e la ceramica; ma solo l’acquaforte, l’acquerello, il disegno e la scrittura hanno catturato il suo interesse. Su questa sua propensione, quasi intatta, per la sperimentazione, ha influito l’essere cresciuto in un ambiente severo di maestri artigiani; oltre ad un grande interesse per la lettura e la scrittura.

Castellani ha imparato l’arte calcografica da autodidatta, dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti di Firenze, assieme a Osvaldo Licini, nella quale sperimentò la scultura, durante il periodo della prima guerra mondiale. Entrò in contatto con l’avanguardia futurista, a Roma e a Cesena, conoscendo anche Filippo Tommaso Marinetti e Giacomo Balla. Sempre a Cesena, si appassionò alla ceramica, grazie alla frequentazione della fabbrica di famiglia, poi distrutta da un incendio; in seguito, a Venezia, ebbe modo di sperimentare la pittura e di stringere amicizia con Vincenzo CardarelliVirgilio GuidiPio SemeghiniDiego Valeri ed Ezra Pound. Ma è con il soggiorno fanese (1928 – 30) che Castellani s’impegna maggiormente per acquisire la tecnica calcografica; da questo momento, fino agli anni della seconda guerra mondiale, è stata una continua sperimentazione ed elaborazione di tale tecnica.  

Si spense il 20 novembre 1984. Dopo la sua scomparsa, i suoi eredi hanno donato alcune delle sue incisioni calcografiche al Comune di Urbino, che le ha esposte in una sala (a lui dedicata) all’interno del palazzo dell’ex Collegio Raffaello.



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Umidità di risalita: quando si manifesta e come eliminarla definitivamente

L'umidità di risalita è un problema molto comune che ha come conseguenza quella di aggravare il degrado di un immobile molto rapidamente. Il fenomeno...

La versatilità delle strisce Led, ecco perché sceglierle

Le strisce Led rappresentano il miglior sistema di illuminazione più utilizzato negli ultimi anni presente in commercio, ideali per illuminare qualsiasi luogo, sia domestico,...

Covid 19: sarà riconosciuto come malattia professionale per i sanitari

Arriva finalmente una decisione che in molti aspettavano da tempo; la commissione UE ha stabilito che il Covid 19 è una malattia professionale per...

Come fai a vedere chi ti segue su Facebook, anche se non è tuo amico

Da diversi anni Facebook ha implementato un meccanismo attraverso il quale qualcuno può seguirti, vedere i tuoi post pubblici, mettere mi piace o...