Né più né meno di 41 romanzi compongono la saga letteraria di Discworld del prolifico scrittore britannico di fantasy e fantascienza Terry Pratchett che sono stati pubblicati tra il 1983 e il 2015. Nel loro spirito, la volontà di parodiare il nostro mondo creandone uno nuovo pieno di umorismo in cui vengono presi in prestito concetti e personaggi tipici degli universi creativi di Tolkien, Lovecraft o Shakespeare, tra gli altri, così come la mitologia, la tradizione orale e le leggende.

Da quei volumi, “Guardie! Guardie ✔? ” (1989), “Men of Arms” (1993), “Feet of clay” (1996), “Voto a bríos!” (1997), “Il quinto elefante” (1999), “La verità” (2000), “Night watch” (2002), “Monstrous reggiment” (2003), “Whoosh!” (2005), “Snuff” (2011) e “A full steam” (2013) sono quelli che sviluppano il cosiddetto arco narrativo di “Night Watch“.

Leggi anche:

Quando esce “La Casa di Carta 5”? Data ufficiale di uscita, cast, anticipazioni e curiosità

Episodi e produzione

The Watch o in spagnolo La Guardia è una serie composta da otto episodi ispirati in modo molto libero ai personaggi creati da Pratchett e, quindi, è un nuovo tentativo di trasferire il suo lavoro al linguaggio audiovisivo come le serie come Johnny hanno fatto prima e the Dead, Higfather, The Color of Magic, The Light Fantastic, Going Postal o, più recentemente, Good Omens.

Questa co-produzione BBC Studios e Narrativia per BBC America creata e scritta da Simon Allen (Das Boot (The Submarine), The Musketeers, New Tricks) e diretta da Craig Viveiros, Emma Sullivan e Brian Kelly arriva in Spagna il 16 aprile 2021 attraverso il canale Movistar + Seriesmanía con un episodio a settimana.

Trama della serie

La storia è ambientata ad Ankh-Morpork, la metropoli più affollata del Discworld: un mondo piatto, situato da qualche parte lontana in un insieme di universi paralleli, sorretto da quattro elefanti che si appoggiano a loro volta sul guscio di una grande tartaruga stellare chiamata Grande A’Tuin.

I membri personaggi sono il novizio Carrot (Adam Hugil, 1917), una rossa ingenua che fu adottata dai nani e cresciuta nelle loro miniere quando era orfano; Angua von Überwald (Marama Corlett, Guardiani della Galassia), una discendente mortale di un’influente stirpe di lupi mannari; Lady Sybill Ramkin (Lara Rossi, Flesh and Blood), una nobile guerriera feroce come il drago che sta allevando e che porta con sé ovunque; Cheery (Jo Eaton Kent, The Romanovs), un medico legale intelligente di genere non binario bandito dalla sua famiglia; e il sergente Detritus, un troll dal cuore gentile la cui voce corrisponde a Ralph Ineson (The Witch).

La Guardia si sforza di onorare il senso dell’umorismo del lavoro originale utilizzando tutti i tipi di risorse: battute metalinguistiche, etichette, sovrapposizioni e, naturalmente, le linee di dialogo molto folli di questo intero fantastico universo. Non sempre funziona e bisogna dargli un po ‘di pazienza ma, come indica la fine del primo episodio, “all’inizio diventa pesante, ma poi si fa prendere“.

Ha un inizio un po’ irregolare in quanto non c’è presentazione dei personaggi, ma solo una splendida scenografia ( esplosione di colori, ricchezza di costumi,  follia di ambientazioni).