Home Attualità Come illuminare un punto vendita

Come illuminare un punto vendita

Il successo commerciale di un negozio dipende anche dal modo in cui esso è illuminato. Soprattutto se si ricorre alla tecnologia led, è più semplice riuscire a incrementare le vendite, se è vero che il ruolo delle sorgenti luminose non è unicamente quello di assicurare visibilità: esse costituiscono a tutti gli effetti un fondamentale strumento di marketing. Il perché è presto detto: l’illuminazione permette di far notare gli articoli, i cui colori possono essere messi in evidenza in maniera naturale. Ciò vuol dire poter contare su un consistente incremento degli acquisti e, ancora prima, del numero di clienti che entreranno nel punto vendita.

Come si studia l’illuminazione per un negozio

Pianificare nel dettaglio l’illuminazione ideale per il punto vendita offre la possibilità di dare vita a un clima gradevole, con condizioni ideali per indurre le persone a completare i propri acquisti. L’obiettivo che si deve raggiungere è quello di un equilibrio ottimale fra quella che viene definita illuminazione generale e la cosiddetta illuminazione d’accento.

Le proposte di Lampadadiretta

Una vasta gamma di prodotti per l’illuminazione capaci di soddisfare qualunque tipo di esigenza è quella che viene messa a disposizione dal sito di Lampadadiretta, azienda che ha sede nei Paesi Bassi ma che è operativa in tutto il mondo, con un ufficio persino a Taiwan. Gli articoli dei migliori marchi nel settore della tecnologia led permettono alla clientela non solo di illuminare contesti domestici e luoghi di lavoro in modo efficace, ma anche di risparmiare grazie alla riduzione dei consumi che i diodi a emissione luminosa sono in grado di garantire.

Illuminare la vetrina di un negozio

È già a partire dalla vetrina che l’illuminazione di un negozio merita di essere studiata nel più piccolo dettaglio. Per qualsiasi punto vendita, la vetrina può essere considerata una sorta di biglietto da visita: di certo una vetrina colorata e piena di luci tende a catturare l’attenzione dei passanti, che sono tutti potenziali clienti, più di una vetrina che non offre alcun elemento per incuriosire le persone. La prima impressione è quella che conta, e se questa è contaminata dall’indifferenza o addirittura negativa è molto probabile che la porta del negozio sarà aperta da poche persone. Sarebbe auspicabile un’illuminazione uniforme, utile per esaltare questa parte del negozio, e soprattutto senza sfarfallii. Anche i manichini devono essere illuminati, a questo scopo si possono usare i faretti led da incasso o quelli orientabili.

Come mostrare i prodotti al pubblico

Il senso della vista è quello che, più di tutti gli altri, determina la percezione di un ambiente. Questa è la ragione per la quale gli articoli in vendita devono essere messi in buona luce, non solo in senso metaforico ma anche in senso letterale. È con l’illuminazione d’accento che si ha la possibilità di valorizzare dei punti particolari o degli oggetti specifici dentro a un negozio. Si tratta di una particolare tipologia di illuminazione da cui derivano colori nitidi e molto brillanti, utili per conquistare la curiosità delle persone. Affinché i colori possano essere riprodotti in maniera veritiera e per evitare che la loro naturalezza possa essere compromessa, è bene puntare su faretti con un IRC, cioè un indice di resa cromatico, tra i 90 e i 99 Ra.

La temperatura di colore

Anche la temperatura di colore merita di essere inserita nel novero dei fattori che possono contribuire a indurre una persona a comprare o meno un certo prodotto. Più nel dettaglio, è bene fare riferimento a una temperatura differente in base alle caratteristiche degli articoli che si propongono. Una tonalità calda, e cioè compresa tra i 2700 e i 3000 Kelvin, è raccomandata per i negozi di vestiti, mentre una temperatura di colore tra i 4000 e i 4500 Kelvin, cioè fredda è suggerita per i negozi di ottica, per le gioiellerie, per le farmacie e per i punti vendita di cosmetici.

I faretti a led dimmerabili

Come si è già accennato, una delle funzioni più importanti dell’illuminazione in un punto vendita è quella di aiutare i clienti a orientarsi già all’entrata. Lo spazio espositivo non dovrebbe essere illuminato tutto alla stessa maniera, anche se questo è uno sbaglio piuttosto diffuso. Al contrario, quel che è necessario fare è puntare sui contrasti: un traguardo che può essere raggiunto, per esempio, con downlights da incasso o tramite dei faretti led dimmerabili. Riuscendo a ricreare la combinazione perfetta tra ombre e luci si agevola l’orientamento delle persone e, in più, si è in grado di valorizzare i vari articoli che devono essere pubblicizzati e venduti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Tokuyoshi: bentoteca, Stella Michelin, chiuso, delivery

Ristorante giapponese Milano stellato In via Calogero Milano, si trova il ristorante di Yoji Tokuyoshi, chef è di origini giapponesi ma con una passione tutta...

Papillon cane: prezzo, costo, allevamenti

Cani papillon Il cane Papillon è una delle due varietà dell'Épagneul nano continentale. Questa varietà è nata originariamente con orecchie pendenti (Phalène). Solo verso la fine...

Gatto abissino: prezzo, blu, vendita, allevamento, regalo

Il gatto abissino Il gatto abissino è una razza felina originaria dell'Etiopia, chiamata anche Abissinia, da cui prende il nome. Si ritiene che si tratti di...

Yacout Milano: prezzi, menu, aperitivo, instagram

Ristorante marocchino Milano Assaporare il cibo e lasciarsi avvolgere dall’atmosfera del Marocco e del Maghreb diventano un’esperienza e un’emozione unica, da scoprire e vivere attraverso...

Gatto bianco: pelo lungo, con occhi azzurri, qual’è la scelta?

Quando si osserva un gatto, il primo elemento che salta agli occhi è il manto: proprio questo, infatti, serve a determinare la razza felina che...