Sono passati circa tre mesi dall’incontro valido per il titolo di pesi medi, perso contro il campione in carica Israel Adesanya, e ora Marvin Vettori, orgoglio italiano dell’UFC, scenderà nuovamente sul ring. Sì, perché l’altoatesino sarà impegnato in un match molto interessante con il brasiliano Paulo Costa: un grande talento che è attualmente al secondo posto del ranking e che viene chiamato “Borrachinha”.

È un anno circa che il brasiliano non combatte. A settembre 2020 affrontò anch’esso Adesanya per il titolo e perse proprio come Vettori: lui, però, finì KO. Oltretutto fu un match molto acceso, visto e considerato che i due atleti non si stimavano affatto e si lanciarono frecciatine abbastanza dirette per diverso tempo.

Paulo Costa rimane comunque in fighter davvero molto temibile: al match per il titolo dello scorso anno arrivò con ben 13 vittorie di fila, di cui ben 11 per KO. Una vera potenza per un classe ’91 che ha esperienza in tecniche di Muay Thai e Jiu-Jitsu (di cui è cintura nera). Il match tra Vettori e Costa è previsto per il 23 ottobre: sarà interessante vedere le quote del match per effettuare delle scommesse UFC oculate. Ma è ancora presto.

Insomma, Marvin Vettori continua a sognare e tenere alto l’orgoglio italiano: un po’ come se fosse un Karate Kid nostrano. È giovane, ha caparbietà e soprattutto ha talento. E come il mitico Dan LaRusso punta ad affermarsi nella sua disciplina sacrificandosi il più possibile. C’è chi lo considera, ad oggi, il grande talento di tutti i tempi delle arti marziali italiane. A prescindere da ciò, si tratta di un ragazzo dal cuore d’oro che, a detta di chi lo ha conosciuto, è disponibile, amabile e cordiale.

Completamente differente da come è sull’ottagono: lì il campione di Mezzocorona è feroce come una tigre. La sua crescita negli ultimi tempi è stata esponenziale e per qualcuno persino inaspettata. Non per chi lo conosceva a fondo, però. Chi l’ha visto quando era ancora più giovane sa che ha sempre dimostrato di avere qualcosa di più rispetto agli altri e che avrebbe potuto affermarsi in UFC grazie a questo.

Ma la sua carriera è qualcosa al di fuori del normale. Vettori ha scelto la MMA perché era il suo sogno fin da bimbo: d’altronde ha sempre amato gli sport di contatto. Si è appassionato guardando i filmati dei suoi grandi idoli. E la sua forza non è soltanto nel fisico, ma nella mente. Come già detto, Vettori è caparbio come nessun altro e riesce a incanalare al meglio la sua forza di volontà.

Si sa che la mente per un combattente è fondamentale forse quanto il fisico. Il fighter ha più volte affermato di puntare a conoscere se stesso, i propri limiti e le proprie qualità. Ecco perché punta a spingere per testare il proprio fisico in situazioni di forte stress, psicologico e fisico. Gestire la pressione e le emozioni è sicuramente una delle sue grandi peculiarità.