Please wait..

Trifoglio rosso, proprietà e controindicazioni, tutte le info

Il trifoglio rosso proprietà

Il Trifolium pratense (trifoglio pratense) (chiamato comunemente Trifoglio dei pratiTrifoglio rosso o Trifoglio violetto) è una pianta erbacea perenne, geograficamente diffusissima, dalle Americhe, all’Europa, alla Russia. Nei pascoli di alta quota è presente la sottospecie nivale. Nonostante la denominazione “perenne”, in Italia ha un ciclo di vita che rarissimamente supera i due anni.

L’altezza della pianta arriva sino ai 30 cm. Resiste ottimamente al freddo, arrivando a popolare suoli fino ai 2600 m sul livello del mare. La buona adattabilità di questa foraggera ai terreni di montagna è confermata anche dalla sua buona tolleranza all’acidità: la pianta trova in un pH del suolo compreso tra 6,6 e 7,6 il proprio livello ottimale, ma si riesce ad ottenere buone produzioni anche con pH compresi tra 6 e 6,5.

Trifoglio rosso: coltivazioni e utilizzi

Il Trifolium pratense non è eliofilo quanto le altre leguminose, quindi si presta alla trasemina. Tuttavia è notevolmente danneggiato dal secco, quindi per tutto il ciclo vegetativo necessità di regolari apporti d’acqua. Non sopporta comunque i ristagni: nel caso di irrigazione è importante irrigare con piccoli quantitativi piuttosto regolarmente, piuttosto che fornirgli elevati apporti idrici che possono essere anche più dannosi della siccità.

Trifoglio rosso controindicazioni: trifoglio rosso e tiroide

Coltivata, oggi come nel passato, come foraggera; è preferita nel ciclo della rotazione delle colture poiché Trifolium pratense possiede a livello delle radici la capacità di vivere in simbiosi con specie batteriche (gen. Rhizobium/Phyllobacterium) in grado di fissare l’azoto atmosferico in ammonio, che disciolto nel suolo è la fonte principe di azoto per le piante. Com’è noto, l’azoto è indispensabile a tutte le piante per la formazione delle proteine strutturali, che costituiscono lo scheletro o struttura portante della pianta. Ottima erba da foraggio, tanto che era chiamata nei secoli passati “erba da latte” per i bovini (tale appellativo è ancora in uso presso gli anziani contadini).

Trifoglio rosso menopausa: controindicazioni

Gli integratori a base di trifoglio rosso sono facilmente digeribili e meglio assimilabili rispetto ad altri rimedi, come soia e miglio. Nonostante siano generalmente ben tollerati, in casi molto rari si manifestano disturbi come nausea e mal di stomaco, situazioni in cui bisogna subito sospendere l’assunzione.

Data la elevata concentrazione di estrogeni, si sconsiglia di ricorrere al trifoglio rosso in gravidanza e allattamento o in caso di patologie come:

  • endometriosi;
  • disturbi alla tiroide;
  • fibromi e tumori al seno, ovaie o utero;
  • carcinoma della prostata negli uomini.

Se si assumono abitualmente farmaci, è meglio consultare il medico prima dell’assunzione del trifoglio rosso, perché potrebbe interferire con alcuni principi attivi come tamoxifene, contraccettivi, anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici.

Menoflavon forte effetti collaterali

Studi scientifici dimostrano che:

  • Menoflavon® riduce i disturbi e le problematiche legati alla menopausa;
  • il Trifoglio rosso è più efficace e potente della soia in quanto contiene quattro Isoflavoni mentre la soia ne contiene solo due;
  • test di laboratorio dimostrano che il contenuto di isoflavoni dichiarato in Menoflavon® corrisponde al contenuto effettivamente presente;
  • Menoflavon® è un importante antiossidante che contrasta i radicali liberi dannosi per la salute;

Il Trifoglio rosso è una delle fonti più ricche di isoflavoni e contiene tutti i quattro principali isoflavoni conosciuti per gli effetti simil-estrogenici (biochanina, formononetina, genisteina e daidzeina).
Menoflavon® non è solo efficace, ma è anche semplice da assumere. Il dosaggio ottimale è di una compressa al giorno.
Gli effetti positivi si avvertono dopo circa 4-6 settimane dall’inizio dell’assunzione.
Menoflavon:

  • clinicamente testato
  • una compressa al giorno
  • ben tollerato
  • non induce aumento di peso

Autore

Show More

Related Articles

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker