12 soluzioni rapide per problemi comuni di Android

Al giorno d’oggi, la maggior parte di noi non ha bisogno di molto salvato localmente sui nostri smartphone, in particolare su Android, dove la sincronizzazione cloud è semplice e la manutenzione automatica è semplice. Inizia installando l’app Google Foto e configurandola per eseguire automaticamente il backup di tutte le foto e i video man mano che vengono acquisiti. Ciò ti consentirà di rimuovere le copie locali, il che libererebbe senza dubbio molto spazio.

In secondo luogo, scarica e installa l’app Files by Google. Ti mostrerà tutti gli inutili maiali spaziali che si trovano nella memoria del tuo telefono, comprese quelle versioni locali ormai ridondanti di fotografie sincronizzate nel cloud, nonché file spazzatura, file duplicati e altri elementi facilmente rimovibili, e te ne fornirà uno semplice -tocca le opzioni per eliminare tutta quella sporcizia.

Problemi con Android
Tutte le immagini e i video sono protetti da copyright dei rispettivi proprietari

Infine, se possiedi uno dei telefoni Pixel di Google, vai alla sezione Archiviazione delle impostazioni di sistema e premi la riga “Archiviazione intelligente”. Lì, puoi impostare il telefono in modo che elimini automaticamente qualsiasi copia ridondante di fotografie e video di cui è stato eseguito il backup in precedenza se lo spazio di archiviazione è insufficiente.

Il problema numero 2 è la mancanza di resistenza

Potremmo andare avanti all’infinito sulla durata della batteria di Android, ma il metodo più rapido per vedere un miglioramento istantaneo nella durata del telefono è modificare le impostazioni dello schermo.

Innanzitutto, ridurre la luminosità dello schermo. Il display consuma la maggior parte della potenza di qualsiasi componente del telefono e meno lo usi, più a lungo il telefono può funzionare con una singola carica. Cerca l’impostazione Luminosità adattiva se sul tuo telefono è in esecuzione Android 9 o versioni successive, modificando automaticamente il livello di luminosità in base all’ambiente attuale.

In secondo luogo, riduci il valore dell’opzione “Timeout schermo” (disponibile anche nella sezione Display delle impostazioni di sistema) al minimo che puoi gestire. Meno tempo viene acceso lo schermo mentre non lo si utilizza, minore sarà la carica della batteria necessaria per il telefono.

Terzo, controlla l’opzione “Tema scuro” se hai Android 10 o versioni successive nella stessa parte delle impostazioni di sistema. Le tonalità più scure utilizzano meno energia rispetto ai colori brillanti visti nella maggior parte delle interfacce predefinite. Pertanto, il passaggio a un tema scuro regolarmente o anche al tramonto all’orario dell’alba dovrebbe prolungare significativamente la durata della batteria del telefono.

Il problema numero 3 con Android è che c’è troppo bloatware

A meno che tu non stia utilizzando uno dei telefoni Pixel di Google, il tuo telefono Android è stato sicuramente preinstallato con una tonnellata di spazzatura che non vuoi, che vanno dai servizi non necessari forniti dal produttore alle sciocchezze aggiunte dall’operatore (per usare il termine altamente tecnico ). Ma non preoccuparti perché gran parte di essa può essere nascosta alla vista, se non completamente sradicata.

L’approccio migliore per farlo è controllare nella sezione App delle impostazioni di sistema per un elenco completo dei programmi installati. Quando noti un’app che non desideri, tocca il suo nome e poi cerca il pulsante Disinstalla o, se non è disponibile, il comando Disabilita. Quindi non sarai in grado di sbarazzarti di tutto, ma sarai in grado di sbarazzarti di un sacco di spazzatura.

Il problema numero 4 di Android è una schermata iniziale disordinata

Le schermate iniziali del telefono Android non sono sempre perfette, dalle barre di ricerca integrate che non usi ai feed di notizie folli che preferiresti non vedere. Tuttavia, non sei obbligato ad accettare ciò che il produttore del tuo dispositivo fornisce. I launcher di terze parti – impostazioni alternative che modificano la configurazione standard della schermata iniziale del telefono e l’organizzazione del cassetto delle app – sono abbondanti su Android. E c’è qualcosa per soddisfare quasi ogni preferenza e stile di lavoro.

Problemi con Android

Il problema numero 5 di Android è un telefono lento

Ripulire lo spazio di archiviazione, eliminare le applicazioni inutili (sia quelle che sono state precaricate sul telefono sia quelle installate da te ma non più utilizzate) e sperimentare un launcher personalizzato per un’impostazione della schermata iniziale più ottimale dovrebbe avere un impatto visibile.

Infine, un’impostazione di sistema Android nascosta potrebbe avere l’influenza più evidente di tutte. Per scoprirlo, devi prima abilitare le opzioni sviluppatore di Android sul tuo telefono:

  • Cerca la riga denominata “Numero build” nella sezione Informazioni sul telefono delle impostazioni di sistema. (Sui telefoni Samsung, è necessario prima premere la riga “Informazioni software” prima di poter visualizzare la riga “Numero build”.)
  • Tocca sette volte su quella linea.
  • Quando richiesto, inserisci il PIN, la sequenza o la password.

Al termine, torna al pannello delle impostazioni di sistema principale. Alcuni telefoni avranno una nuova sezione Opzioni sviluppatore direttamente nel menu principale; altri, come gli smartphone Pixel di Google, richiederanno di visitare la sezione Sistema e quindi toccare “Avanzate” per individuarlo. Tocca quella parte e poi scendi finché non vedi l’intestazione Disegno, qualunque cosa tu abbia lì.

Sono disponibili tre variabili relative all’animazione: “Scala animazione finestra”, “Scala animazione transizione” e “Scala durata animatore”. Modificare l’impostazione per ogni elemento da “Scala animazione 1x” a “Animazione disattivata”. E non manomettere nient’altro nella sezione Opzioni sviluppatore mentre sei lì; contiene alcune cose complicate che non sono destinate ai normali proprietari di telefoni e potrebbero danneggiare il telefono se utilizzato in modo errato.

Problemi con Android
Tutte le immagini e i video sono protetti da copyright dei rispettivi proprietari

Torna alla schermata iniziale e prova a spostare il telefono: aprendo il cassetto delle app, scorrendo verso il basso il pannello delle notifiche, passando da un’applicazione all’altra e così via. Tutto dovrebbe essere molto più scattante di prima.

Il problema numero 6 di Android è una rotazione eccessiva

I nostri telefoni sono progettati per funzionare sia con orientamento verticale che orizzontale, ma i sensori possono diventare ipersensibili e farti passare da una prospettiva all’altra più frequentemente di quanto vorresti.

A partire da Android 9, c’è una soluzione semplice: su un telefono Pixel o qualsiasi altro dispositivo il cui produttore non ha incasinato troppo Android, vai alla sezione Display delle impostazioni di sistema, premi “Avanzate” e poi gira l’interruttore accanto a “Rotazione automatica dello schermo” disattivato. Da quel momento in poi, ogni volta che fai girare lo smartphone, non regolerà automaticamente l’orientamento dello schermo, invece di posizionare un piccolo simbolo nell’angolo dello schermo. Puoi quindi premere quel carattere per cambiare la rotazione o ignorarlo per mantenere le cose come sono.

Se hai un telefono Samsung, l’opzione non è nelle impostazioni di sistema, ma puoi attivarla nella sezione Impostazioni rapide che appare quando scorri verso il basso due volte dalla parte superiore del telefono. Cerca il simbolo “Autorotazione” e premilo una volta per disabilitarlo.

Il problema numero 7 di Android è un piccolo testo

Se il testo sul telefono è troppo piccolo, vai all’area Accessibilità delle impostazioni di sistema e prova una delle due opzioni: “Dimensione carattere”, che aumenterà le dimensioni di tutto il testo sul telefono e “Dimensione display”, che aumenterà la dimensione di tutto sullo schermo.

Il problema n. 8 sono fastidiosi avvisi

Interrompi le notifiche fastidiose alla fonte toccando e tenendo premuto il dito sul seguente avviso fastidioso che appare, sia che provenga da un’app eccessivamente aggressiva o, ehm, da un editor di testo eccessivamente aggressivo. Questo farà apparire una sorta di pannello di controllo in cui puoi disattivare completamente il relativo tipo di notifica o silenziarlo in modo che appaia ancora ma non richieda attivamente la tua attenzione.

Problemi con Android
Tutte le immagini e i video sono protetti da copyright dei rispettivi proprietari

Il problema numero 9 è il problema dei contatti

I tuoi contatti non dovrebbero essere limitati al tuo telefono e non dovresti dover affrontare alcun ostacolo per “trasferirli” da un dispositivo a un altro.

Se stai utilizzando un telefono non creato da Google, accedi all’app Contatti e assicurati che sia configurato per sincronizzare le tue informazioni con il tuo account Google anziché con il servizio di sincronizzazione proprietario del produttore. Ciò è particolarmente importante per gli utenti Samsung, poiché il produttore imposta automaticamente la sincronizzazione dei contatti con il suo servizio autonomo. Va bene se vuoi accedere a quelle informazioni da quel telefono e vuoi acquistare solo telefoni Samsung in futuro, ma quella configurazione non ti servirà bene in nessun’altra circostanza.

Nell’angolo in alto a sinistra, tocca il simbolo del menu a tre righe dell’app Contatti di Samsung, quindi tocca “Gestisci contatti”, seguito da “Posizione di archiviazione predefinita”. Quindi, scegli il tuo account Google anziché il tuo account Samsung nell’opzione risultante.

I tuoi contatti ora saranno sincronizzati con Contatti Google, il che significa che saranno sempre disponibili sul sito web di Contatti Google da qualsiasi computer a cui hai effettuato l’accesso, nonché su qualsiasi telefono su cui installi l’app “Contatti Google” su Android.

Il problema numero 10 di Android sono le difficoltà di terminazione delle chiamate

Hai mai avuto fretta di terminare una conversazione, solo per scoprire che lo schermo non si riaccende abbastanza velocemente? O forse lo schermo si accende, ma l’ordine di riagganciare non è immediatamente disponibile? Consentendoti di premere il pulsante di accensione fisica del telefono ogni volta che sei pronto per dire addio, una funzione di accessibilità di Android può rendere la tua vita notevolmente più gestibile. Non c’è bisogno di cercare l’icona corretta o anche di dare un’occhiata al telefono: è sufficiente fare clic su un singolo pulsante lungo il bordo del dispositivo e la persona dall’altra parte se ne andrà.

Cerca l’opzione “Il pulsante di accensione termina la chiamata” nell’area Accessibilità delle impostazioni di sistema, accendila e sarai in grado di terminare una conversazione più velocemente che mai.

Problemi con Android

Il problema n. 11 di Android è un telefono bloccato

Uno dei problemi più fastidiosi di Android è avere un telefono bloccato su un processo e non rispondere o è spento e si rifiuta di accendersi. Ma, non importa quanto le cose sembrino brutte, c’è quasi sempre una via d’uscita.

Il più semplice è un riavvio forzato: a seconda del dispositivo, tieni premuto il pulsante di accensione da solo per 30 secondi a un minuto o tieni premuti insieme il pulsante di accensione e il pulsante di riduzione del volume per lo stesso periodo di tempo. Non preoccuparti se vedi un menu dall’aspetto strano con la parola “Start” e l’immagine di un robot Android: premi di nuovo il pulsante di accensione e il telefono dovrebbe avviarsi correttamente.

Se nessuno di questi passaggi produce alcun risultato, considera di lasciare il telefono collegato per alcune ore per assicurarti che la batteria non sia completamente scarica. Quindi prova ancora una volta.

Se le cose non funzionano ancora e non vedi nemmeno il simbolo di indicazione della batteria principale sullo schermo quando colleghi il telefono, allora è il momento di passare al nostro ultimo problema con Android.

Il problema n. 12 di Android è un telefono che non si carica

Ultimo ma non meno importante, c’è il problema che pone fine a tutti i problemi di Android: un telefono Android che non si carica (e di conseguenza non si accende se la batteria è completamente scarica). E, sebbene sia concepibile che tu abbia a che fare con un problema hardware, è anche molto probabile che questo sia qualcosa che puoi riparare rapidamente.

Quindi, ecco un’idea: prendi uno stuzzicadenti o l’estremità di una graffetta e sonda attentamente e delicatamente nella porta di ricarica del telefono per pulire eventuali lanugine o detriti che si sono accumulati. So che sembra strano, ma a volte in quella posizione arriva abbastanza spazzatura che il cavo di alimentazione non può creare una connessione adeguata e caricare il gadget.

Dopo aver rimosso una quantità significativa di spazzatura, ricollega il telefono e guarda cosa succede. Se la batteria è completamente scarica, potrebbe essere necessario tenerla collegata per un po’ di tempo prima di notare eventuali effetti. Ma c’è una buona possibilità che funzionerà e poi tornerai in attività in un paio di minuti.

A volte la soluzione più semplice è la più appagante.

Autore

Show More

Related Articles

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker