Il 26 novembre 2021, su proposta del gruppo tecnico consultivo dell’OMS sull’evoluzione dei virus (TAG-VE), l’OMS ha assegnato la variante B.1.1.529 come variante di preoccupazione, chiamata Omicron. Questa scelta è dipesa dal materiale presentato al TAG-VE che Omicron ha alcune trasformazioni che potrebbero influenzare la sua condotta, per esempio, la semplicità di trasmissione o la gravità della malattia che causa.

La maggior parte dei P.C.R. anche i test antigenici veloci possono riconoscere Omicron – la FDA dice che un paio di test non possono – tuttavia i risultati non permettono al cliente di sapere con quale variazione la persona è contaminata, quindi gli individui hanno bisogno di capire.

Sintomi:

  • I pazienti contaminati con Omicron hanno frequentemente una gola irritata o graffiante con un naso stopposo, una tosse secca, e pulsazioni muscolari, in particolare nella parte bassa della schiena.
  • È probabile che ci sia molto cross-over tra Omicron e le variazioni passate, dato che fanno fondamentalmente la stessa cosa.
  • Una potenziale distinzione è che Omicron è più incline a causare la perdita del gusto e dell’olfatto rispetto alla variazione più affermata.
  • Alcune liste indicizzate su internet per le indicazioni di Omicron incorporano nausea, malessere, diarrea e affaticamento, ma questi effetti collaterali non sono nuovi per questa variazione.
  • La nausea era un’indicazione tipica di Covid, inclusa la variazione Omicron.
  • In contrasto con le diverse varianti, Omicron sembra avere un periodo di cova più limitato: richiede solo un breve periodo di tempo dopo che un individuo viene presentato per favorire le indicazioni, diventare irresistibile, e risultare positivo al test, in contrasto con quattro-sei giorni per Delta e il primo Covid.

Riassumiamo i cinque principali effetti collaterali di questi due periodi:

  1. Naso che cola
  2. Dolore cerebrale
  3. Mal di gola
  4. Starnuti
  5. Affaticamento (leggero o grave)

Cosa Potrei fare per Proteggere me Stesso e Altre Persone dalla Malattia di Omicron?

  • Percepire i sintomi di Omicron e, supponendo che tu li sperimenti, metterti immediatamente in isolamento
  • Farsi immunizzare (la stragrande maggioranza riceve tre dosi di immunizzazione).
  • Copriti la bocca con una maschera nei luoghi affollati
  • Sostieni il tuo quadro di sicurezza apportando piccoli miglioramenti alla tua routine alimentare.
  • Nel caso in cui tu viva in uno spazio con un alto ritmo di contaminazione, considera di rimanere a casa e diminuire i contatti sociali.