Ormai sullo smartphone di tutti c’è un app per ascoltare musica gratis. Tra le più conosciute esiste Spotify, un app per musica che può funzionare gratuitamente oppure a pagamento per avere accesso a funzionalità avanzate come Spotify premium.

Non tutti sanno però  Spotify cos’è e che si può guadagnare attraverso questa piattaforma. Se sei un artista soprattutto non è solo un app di musica, ma è una possibilità per generare dei guadagni extra utilizzando la tua musica. Vediamo Spotify come funziona del dettaglio, come trasformarla in un’opportunità di crescita per la tua musica in streaming, quanto costa Spotify e ogni altro dettaglio utile.

Come si guadagna con questa app di musica

Ci sono tantissimi artisti giovani, internazionali o italiani che hanno sfruttato la possibilità che offre la piattaforma di Spotify di guadagnare con la propria musica. Prima di entrare nel dettaglio e di scoprire come fare vediamo quali sono i compensi.

Spotify paga ogni singolo streaming del tuo brano 0,0043 dollari, quindi ogni 1000 streaming è possibile guadagnare 4,30 dollari. Sembra poco? Vi assicuro che non lo è se calcoliamo che Spotify esiste in tutto il mondo e fornisce un servizio gratuito alla maggior parte dei suoi utenti. Si possono infatti generare milioni o miliardi di streaming per lo stesso brano.

Il costo Spotify per scaricare l’applicazione infatti è pari a 0 euro.

È possibile trasformare la tua passione in un vero e proprio lavoro, diventare un nuovo artista emergente apprezzato ed ascoltato e vivere bene con gli introiti di Spotify music.

Quando costa Spotify download? Nulla.

Quanto costa ascoltare musica da Spotify online? Assolutamente nulla.

La prima cosa da fare per iniziare a guadagnare con la tua musica in streaming è far crescere il pubblico che ti segue sulla piattaforma. È chiaro che, senza un buon numero di streaming e senza un pubblico che ami i tuoi lavori non si può avere una buona pubblicità per continuare a crescere.

Come abbiamo visto, i compensi per ogni singolo stream non è alto, quindi è necessario puntare sulla qualità della tua arte e sul numero di followers.

Come funziona Spotify

Il sistema attuale che prevede il pagamento degli streaming della musica online è abbastanza complesso. Capire effettivamente come viene calcolato il compenso generato dalla piattaforma non è semplice, soprattutto se non si è addetti ai lavori.

Spotify ultimamente infatti è stato al centro di una forte polemica riguardante proprio i suoi compensi. Molta gente tra utenti ed artisti non riuscivano a capire come fosse possibile che con la crescita economica della piattaforma non si sia riusciti ad aumentare anche i compensi.

La piattaforma ha cercato di spiegare in parole povere il funzionamento del suo meccanismo di guadagno. Ha chiarito che bisogna tener conto dei diritti di master, cioè i guadagni dati dagli ascolti, dai guadagni derivanti dalla riproduzione casuale o dai diritti di esecuzione.

C’è quindi una differenza fondamentale tra artisti emergenti ed autonomi che producono la loro musica e ne sono contemporaneamente etichetta ed autore ed artisti invece già famosi che hanno alle spalle una casa di produzione che cura i loro diritti e la loro immagine.

Oltre a questo poi, bisogna tener conto delle tasse applicabili sulla musica che viene pubblicata online. Ci sono molte variabili che concorrono alla nascita dei compensi su questa piattaforma e app musica gratis.