Home Economia Crollo dei mercati azionari, il petrolio sale dopo che la Russia attacca l’Ucraina

Crollo dei mercati azionari, il petrolio sale dopo che la Russia attacca l’Ucraina

Crollo dei mercati azionari, il petrolio sale dopo che la Russia attacca l’Ucraina
Criptovaluta Foto: @ Karolina Grabowska | Pexels.com

I mercati azionari internazionali e i rendimenti delle obbligazioni statunitensi sono crollati giovedì e il dollaro, l’oro e i prezzi del petrolio sono saliti quando l’Ucraina ha detto che Mosca ha lanciato un’invasione su larga scala, ha riferito l’agenzia di stampa Reuters, come riportato da Mediafax.

Gli attacchi hanno seguito un duro avvertimento del presidente russo Vladimir Putin giovedì. Putin ha invitato i soldati ucraini a deporre immediatamente le armi e a tornare a casa e ha detto che la responsabilità di qualsiasi spargimento di sangue sarebbe sulla coscienza del “regime ucraino”, secondo i commenti riportati dalle agenzie di stampa russe.

Putin ha anche autorizzato operazioni militari speciali nella regione ucraina del Donbass.

Gli annunci hanno peggiorato il sentimento già cupo nei mercati asiatici, spingendo l’indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico, escluso il Giappone, giù di oltre il 3,2%. Le azioni australiane sono scese di oltre il 3% e quelle cinesi dell’1,3%.

L’indice Nikkei di Tokyo è sceso del 2,4%. Anche i futures azionari statunitensi erano in forte calo, con i futures dell’S&P 500 giù del 2,3% e quelli del Nasdaq più deboli del 2,8%.

I futures del greggio Brent, che hanno oscillato tra forti aumenti e cali mercoledì, sono saliti di oltre il 3,5% per superare i 100 dollari al barile per la prima volta dal settembre 2014. Il West Texas Intermediate è balzato del 4,6% a 96,22 dollari al barile, il livello più alto dall’agosto 2014.

L’oro a pronti è saltato più dell’1,7% per raggiungere il livello più alto dall’inizio di gennaio 2021.

Il profondo rally azionario è arrivato dopo che le azioni statunitensi avevano già preso un colpo mercoledì, con il Dow Jones Industrial Average che è sceso dell’1,38%, appena sopra il livello che avrebbe confermato una correzione. L’indice MSCI World, un indicatore principale dei mercati azionari globali, è scivolato al suo livello più basso da aprile 2021.

Le minacce geopolitiche hanno spinto il rendimento dell’obbligazione americana a 10 anni a 1,8681% dalla chiusura di mercoledì dell’1,977% negli Stati Uniti. Anche il rendimento a 2 anni è sceso all’1,5% da una chiusura dell’1,6%.

La fuga globale verso la sicurezza ha spinto il dollaro, che è salito di oltre mezzo punto percentuale contro un paniere di altri importanti partner commerciali a 96,715.

L’euro è sceso dello 0,8% a 1,1220 dollari.

Il rublo russo è crollato bruscamente dopo aver registrato piccoli guadagni all’inizio della sessione. L’ultima volta è sceso di quasi il 4%, oltre a un calo del 3% contro il dollaro mercoledì.

Il selloff si è diffuso ai mercati delle criptovalute, spingendo il bitcoin sotto i 35.000 dollari per la prima volta in un mese.



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here