[ad_1]

I romeni che hanno prestiti bancari, in questo periodo segnato dall’inflazione, sono degni di pietà. I prestiti bancari si stanno trasformando in veri e propri oneri finanziari per i nostri budget in diminuzione.

Il primo giorno della settimana porta un incremento significativo del ROBOR, l’indice che viene preso in considerazione per i prestiti contratti prima di maggio 2019. Da maggio 2019 il benchmark per il calcolo dei prestiti al consumo è diventato IRCC.

Lunedì l’indice ROBOR a tre mesi ha raggiunto la soglia del 4,25%%, contro il 4,03%, valore visualizzato nella sessione precedente. Allo stesso modo, ROBOR ha raggiunto il 4,30% a sei mesi, dal 4,17%.

Sono previsti nuovi prezzi

Anche gli analisti economici prevedono che non dovrebbero stare tranquilli i rumeni che hanno contratto nuovi prestiti, ovvero dopo maggio 2019. Sebbene le acque per loro ora sembrino calme, l’IRCC aumenterebbe del 4% entro la fine del 2022, mentre per lo stesso periodo di riferimento, l’evoluzione di ROBOR porterebbe l’indice a 4,5 %.

I tassi di interesse continueranno a salire nel prossimo periodo, secondo la maggior parte degli analisti finanziari. Il tono è stato dato dalla stessa NBR, all’inizio del mese scorso, quando ha alzato il tasso di riferimento.

Vi ricordo che i membri del Consiglio di Amministrazione della Banca Nazionale di Romania hanno deciso di aumentare il tasso di interesse di politica monetaria al 2,5% annuo, dal 2% annuo, a partire dal 10 febbraio 2022, e di mantenere fermo il controllo sulla liquidità del mercato monetario, informa la banca centrale.

“Il Consiglio di amministrazione della Banca nazionale di Romania, riunito nella riunione di oggi, 9 febbraio 2022, ha deciso quanto segue:

aumentare il tasso di interesse di politica monetaria al 2,5% annuo, dal 2% annuo, a partire dal 10 febbraio 2022;
aumento del tasso di interesse per la linea di credito (Lombardo) al 3,5% annuo dal 3% annuo e aumento del tasso di interesse a
la struttura di deposito all’1,5%, dall’1% annuo, a partire dal 10 febbraio 2022;
mantenere un fermo controllo sulla liquidità del mercato monetario;
mantenendo gli attuali livelli dei coefficienti di riserva minima richiesta per le passività in lei e in valuta estera degli istituti di credito”, ha annunciato la NBR.

L’innalzamento del tasso di riferimento è il principale strumento di contrasto utilizzato dalle Banche Centrali inflazione. Sfortunatamente, la nostra inflazione ha già superato la soglia dell’8% e il NBR prevede un picco dell’11,2% alla fine del secondo trimestre del 2022 e del 10,2% alla fine del terzo trimestre.

Si prevedono quindi nuovi interventi della NBR sul mercato, che genereranno incrementi anche per i romeni che hanno prestiti a tasso variabile. Proprio per questi motivi, molti consulenti economici consigliano ai propri clienti di optare, in periodi di instabilità, per prestiti a tasso fisso il più a lungo possibile.

[ad_2]