Please wait..

“Non andiamo nel panico”

[ad_1]
“Non andiamo nel panico”插图

Per una paura molto difficile da spiegare, i rumeni hanno iniziato a sviluppare un’ossessione per i contanti. Non si sono mai sentiti molto a loro agio con le banche, ma nel contesto del conflitto in Ucraina è scoppiato il panico e la NBR si è sentita in dovere di intervenire con un avvertimento.

Nell’ultima settimana, poco dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina, i rumeni si affollarono agli sportelli automatici per prelevare contanti. Le banche hanno lottato per portare denaro rapidamente per evitare una crisi nella mente collettiva, ma c’è stato il panico. Si estendeva anche agli uffici di cambio, dove i rumeni si precipitavano a comprare euro e dollari, nella speranza che si svalutassero significativamente più del leu rumeno.

La NBR si è sentita in dovere di intervenire

“Ognuno decide da solo. Ma andiamo a vedere come stanno le cose. Al momento abbiamo una valuta stabile, non abbiamo pressioni di alcun tipo, le banche sono molto ben capitalizzate, hanno liquidità sufficiente. Non ha senso rovinare i nostri depositi se guardiamo ai tassi di interesse, perché i tassi di interesse stanno aumentando. Non c’è pericolo imminente di spingerci a tenere i nostri soldi in tasca. Da questo punto di vista, ci sono una serie di elementi che ci fanno pensare che sarebbe meglio non farsi prendere dal panico.

Se vogliamo cambiare i soldi, certo che possiamo farlo, è una scelta personale, i soldi sono soldi, ma facciamolo tenendo conto dei vincoli che hanno le banche quando vogliamo soldi. Non ce lo daranno sul posto, ma ad un intervallo di tempo, a seconda della domanda esistente. La richiesta è davvero alta”, ha detto in un intervento televisivo Dan Suciu, portavoce di NBR.

La situazione è simile a quella all’inizio della pandemia, come ha spiegato Adrian Vasilescu, consigliere del governatore della NBR. “Il problema non è di massa, ci sono tentativi puntuali, è normale, quando si presenta una situazione, alcuni hanno fretta di cambiare qualcosa. Abbiamo molta esperienza in tal senso e il più recente è nel 2020, quando il pubblico è iniziata la crisi sanitaria – la pandemia COVID-19 no – quando molti si sono precipitati, anche quelli con grandi depositi, a ritirarli, li hanno messi in cassa, ma dopo due settimane, hanno visto che erano in grave errore e sono tornati con il depositi”, ha spiegato Vasilescu notizie DC.

[ad_2]

Autore

Show More

Related Articles

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker