Home Tecnologia I migliori modelli di tagliaerba professionale

I migliori modelli di tagliaerba professionale

0
I migliori modelli di tagliaerba professionale

Scegliere un tagliaerba professionale: le caratteristiche da valutare

In commercio si possono trovare diversi modelli di attrezzi per lo sfalcio dell’erba di un prato. Per la scelta di un tagliaerba professionale è bene tenere presente che il lavoro da svolgere quotidianamente sarà spesso prolungato e su giardini molto ampi. L’area che si può tagliare in una sessione di lavoro con un tagliaerba professionale è il principale elemento da considerare quando si acquista questo genere di attrezzo.
La scelta di un tagliaerba professionale
Chiunque si trovi a dover acquistare un attrezzo per il giardino deve considerare che tipo di lavoro dovrà svolgere con lo stesso. Le valutazioni di chi possiede un piccolo tappeto erboso sono quindi necessariamente diverse da quelle del giardiniere, che necessita di uno dei migliori modelli di tagliaerba professionale disponibili in commercio. La prima caratteristica da prendere in considerazione, come abbiamo già accennato, è l’area massima sulla quale il tagliaerba professionale risulta particolarmente comodo. Per un giardiniere tale area dovrà essere la più ampia possibile, a meno di non decidere di acquistare più di un attrezzo per il taglio dell’erba. Solitamente un buon tagliaerba per uso da parte di un giardiniere dovrebbe consentire di tagliare fino a oltre i 2.000 metri quadrati di terreno. Perché si tratta di una richiesta abbastanza comune per questo tipo di lavoro. È vero però che volendo è possibile sfruttare più di un tagliaerba, cosa che consente di acquistarne uno più piccolo e leggero e uno più grande, potente e adatto a grandi trappeti erbosi.

Le caratteristiche di un tagliaerba

Altre caratteristiche che si valutano sono: la potenza del motore, l’ampiezza del taglio, la possibilità di sfruttare accessori e opzioni aggiuntive. Ci sono tagliaerba professionali che offrono la possibilità di collegare all’attrezzo un cestello per raccogliere l’erba, oppure di avviare l’opzione di mulching. In questo secondo caso l’attrezzo permette di sminuzzare finemente l’erba sfalciata, per poi farla ricadere sul terreno. È un metodo di taglio particolarmente ecocompatibile, perché permette di sfruttare l’erba come ammendante, lasciandola decomporre sul prato e riducendo il tempo di lavoro. Ci sono poi tagliaerba a spinta o semoventi, in plastica, acciaio o alluminio, oltre a tagliaerba con motore a scoppio o a batteria. Per l’acquisto del modello più adatto è quindi bene considerare vari pro e contro, valutando il tipo di lavoro che solitamente si volge durante una normale giornata lavorativa.

Elettrico o a scoppio

I tagliaerba con motore elettrico per uso professionale funzionano a batteria. Solitamente non sono la prima scelta per un giardiniere, perché con una carica permettono di tagliare non più di 500 metri quadrati di terreno. È vero però che oggi esistono vari tagliaerba professionali a batteria che permettono di acquistare più di un elemento di carica: in sostanza si amplia l’area tagliabile a piacere. Inoltre offrono una serie di vantaggi: sono più leggeri e silenziosi, cosa che permette di sfruttarli in tante situazioni diverse. Inoltre offrono la completa assenza di fumi di scarico, cosa che per chi lavora in questo settore ogni giorno può risultare particolarmente importante. I tagliaerba con motore a scoppio sono disponibili in tante varianti diverse, con possibilità di trovare modelli particolarmente performanti ed efficienti, con cui è possibile tagliare anche grandissimi tappeti erbosi. Scegliendo tra i modelli che offrono maggiore rendimento limitando i consumi si ottiene anche una certa attenzione all’ambiente. Ricordando sempre che per terreni difficili o per giornate di lavoro molto lunghe un tagliaerba a scoppio è la scelta più indicata.

Il costo di un tagliaerba

Il professionista che deve acquistare un nuovo tagliaerba deve tenere conto anche dell’ammontare della spesa. Il mercato offre tantissime opzioni diverse, si parte da un paio di centinaia di euro per i modelli più leggeri e compatti, per arrivare fino a oltre 500 euro per i tagliaerba più potenti, che permettono di tagliare tappeti erbosi molto estesi. Sotto questo punto di vista solitamente è consigliabile preferire il modello più potente considerando il budget che si ha a disposizione.



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here