Il mercato delle monete virtuali ha fatto registrare, negli ultimi anni, un vero e proprio boom, culminato nel 2021, anno record sotto tutti i punti di vista.

Sono state molte le criptovalute a far segnare la massima quotazione sui mercati.

Monete virtuali: lo scenario nel 2022

Il 2022, come molti sanno, ha fatto segnare un prevedibile arretramento, non solo nelle quotazioni.

Il crollo di Terra (Luna) e UST hanno scosso ulteriormente la DeFi già sotto attacco da parte delle istituzioni finanziarie europee e statunitensi.

La conseguenza è stata l’avvio di una fase di declino delle quotazioni che ha coinvolto tutte le cripto, nonostante la buona tenuta di Bitcoin.

Quali, dunque, le criptovalute su cui puntare?

Innanzitutto Cardano (ADA). Il progetto si basa su una blockchain Proof of Stake, molto efficiente anche dal punto di vista del consumo energetico.

Prima della fase recessiva, aveva iniziato un promettente percorso al rialzo.

Da tenere d’occhio anche Ethereum, dopo la funzione con la Beacon Chain e il passaggio da PoW a PoS. Nonostante il momentaneo arretramento nelle quotazioni, la novità consentirà transazioni più veloci e il 99% di risparmio energetico.

Ripple, già nota, è una moneta su cui puntare. Oltre alle conosciute qualità della rete, bisogna mettere in conto le ricadute positive dalla recente vittoria nella causa contro SEC.