L’indice FTSE Mib è il più importante indicatore della Borsa Italiana.

L’acronimo indica il Financial Times Stock Exchange di Milano indice Borsa ed è nato dalla fusione tra il London Stock Exchange e la Borsa di Milano o Borsa Italiana.

Il FTSE Mib ha esordito nel 2009, anno in cui ha sostituito lo Standard & Poor’s Mib (S&P/Mib).

Indice FTSE Mib: come funziona

Come principale indice della Borsa, l’indice FTSE Mib raccoglie un paniere di oltre 40 aziende, selezionate in base al loro valore di capitalizzazione.

Tenendo conto anche di altri fattori, nella composizione dello Stock si considerano anche i volumi degli scambi e il settore di riferimento.

In base a tali elementi, possiamo affermare che l’Indice fotografa con buona approssimazione la composizione dei principali settori economici italiani.

Il FTSE Mib è un indice ponderato flottante, poiché ad ogni elemento del paniere viene riservato un peso specifico relativo alla capitalizzazione, ed una correzione che ricomprenda anche il capitale flottante.

In breve, ogni azienda non può superare il 15% tenendo conto anche del numero di azioni disponibili sul mercato (flottante).

Ad esso si affiancano altri indici secondati, come il FTSE All Share, Small Cap e Mid Cap

Quotazione dell’indice

Al momento l’indice segna un valore di 21.822 punti, in leggera flessione rispetto alla seduta precedente.

Il valore massimo è stato raggiunto a gennaio, toccando quota 28.212 punti.