Please wait..

Smartphone e malware: come evitare di scaricare virus sul proprio cellulare

Fino a qualche anno fa i virus erano una scomoda consuetudine legata alla navigazione non protetta sui computer. Ben presto, però, gli hacker hanno scelto un altro “mercato”, ovvero quello dei dispositivi mobili.

Del resto gli smartphone hanno superato di gran lunga l’utilizzo del PC: a partire dal 2015 il traffico da mobile ha iniziato a crescere in modo esponenziale ed oggi ben il 55% delle visite online arriva proprio da telefoni cellulari, il 2% da tablet e il 43% da desktop.

I malware da smartphone sono particolarmente insidiosi poiché spesso non ci si accorge di averli scaricati, rischiando così di subire furti di identità o di dati sensibili come le proprie coordinate bancarie. Ma come evitare di essere infettati un virus informatico e quali sono le modalità di trasmissione?

Dai QR code alle app: ecco come gli smartphone vengono infettati

Tra i metodi preferiti dagli hacker per trarre in inganno i poveri malcapitati vi sono i QR code. Sebbene questi siano stati inventati nella metà degli anni ’90, è solo dalla seconda metà degli anni 2000 che il loro utilizzo è diventato comune.

I QR code sono utilizzati per vari motivi: dalla consultazione dei menù di un ristorante, alle applicazioni governative per il download di documenti. Come ci mostra questo report di ExpressVPN, l’utilizzo di questi codici aumenterà fino ad arrivare a 100 milioni di scansioni nel 2035, dato che impone una riflessione su come proteggersi dai virus: aggiornare i propri dispositivi e negare le autorizzazioni come indica la guida, sono tra le pratiche più consigliate.

Rimanere infettati è più semplice di quanto si possa pensare: basta una scansione fatta con leggerezza o un download sospetto. Non sono poche le applicazioni che nascondono malware in grado di compromettere il sistema del cellulare. Proprio nel 2021 sono state ben 1 milione le app bandite da Google dal suo store.

Come ci si accorge di aver scaricato un malware

Se in alcuni casi la presenza di malware sul proprio smartphone di manifesta sin da subito con un mal funzionamento del dispositivo, altre volte il mal capitato non si accorge nemmeno di averne scaricato uno. Tuttavia il virus è penetrato ed è già in azione, tentando di rubarci informazioni importanti.

Ci sono però dei segnali che dovrebbero insospettirci: un consumo eccessivo della batteria o dei dati mobili, il mal funzionamento di alcune applicazioni e la presenza di applicazioni sconosciute sono noti campanelli d’allarme.

Come evitare i malware

Per evitare i malware bisogna sempre utilizzare il proprio smartphone con prudenza. Prima di scansionare un QR code, verifica che provenga da una fonte affidabile ed evita di scansionare QR code che trovi su volantini e annunci.

Prima di scaricare un’applicazione verifica i permessi (anche se a quanto pare come emerge dall’articolo di Wired, anche sul Google store i dettagli che riguardano il trattamento dei nostri dati sono spesso imprecisi).

In generale per proteggersi è bene evitare di aprire link sospetti che possono arrivare da messaggi WhatsApp, e-mail e Messenger, anche da persone che conoscete e ritenete affidabili.

Autore

Exit mobile version