Please wait..

Gatto mercurio: effetti, intossicazione, sintomi

I gatti possono mangiare il tonno?

La semplice risposta è che i gatti sono attratti dal tonno. Amano l’odore e il sapore robusto di questo pesce. Tuttavia, anche se non è nella lista dei cibi tossici per i gatti, il tonno destinato alle persone può causare problemi di salute ai gatti. Mentre un singolo morso può non fare alcun danno, è meglio togliere una certa quantità di tonno dalla sua ciotola.

Il tonno è ricco di mercurio

Il tonno è ricco di mercurio, un metallo tossico. Il consumo frequente di tonno può anche portare ad avvelenamento da mercurio, spiega Cailin Heinze, un nutrizionista veterinario presso la Cummings School of Veterinary Medicine della Tufts University. I sintomi di avvelenamento da mercurio includono vertigini e perdita di coordinazione ed equilibrio. I genitori di animali domestici dovrebbero tenere il tonno alalunga, in particolare, lontano dai gatti perché “proviene da una specie più grande di tonno con livelli di mercurio quasi tre volte superiori (rispetto al chunk-light)”, dice Heinze.

Quindi, i gatti possono mangiare il tonno? Il tonno non è bilanciato dal punto di vista nutrizionale e non dovrebbe essere somministrato come gran parte del piano alimentare del vostro gatto. Anche dare il tonno in scatola come premio può portare a problemi di salute, specialmente se viene dato in grandi quantità o frequentemente. Per assicurarti che il tuo amico felino riceva la nutrizione bilanciata di cui ha bisogno senza calorie extra o metalli tossici, scegli un cibo sano per gatti che utilizzi il tonno in modo da soddisfare le sue esigenze nutrizionali e il suo gusto.

Gatti: intossicazione da mercurio

L’inalazione di vapori corrosivi di mercurio elementare ad alte concentrazioni produce una grave dispnea e una funzione respiratoria compromessa che è solitamente fatale. Manifestazioni neurologiche possono eventualmente svilupparsi a livelli più bassi di esposizione. A causa della sua natura corrosiva, il mercurio inorganico produce principalmente segni gastrointestinali, compresi anoressia, stomatite, faringite, vomito, diarrea, dolore; così come shock, dispnea e disidratazione. La morte si verifica spesso in poche ore ad alti livelli di esposizione. Gli animali che sopravvivono possono mostrare eczema, cheratinizzazione della pelle, anuria, polidipsia, ematuria o melena. Manifestazioni neurologiche, tra cui depressione o eccitazione del SNC simile a quella che si verifica in casi di avvelenamento da mercurio organico, possono svilupparsi dopo l’esposizione cronica. A seconda del livello di esposizione ai composti organici del mercurio come il metilmercurio, le manifestazioni cliniche possono richiedere giorni per svilupparsi. Poiché questi composti non sono corrosivi, i segni gastrointestinali non si presentano.

Intossicazione da mercurio: sintomi

Le manifestazioni neurologiche comuni includono cecità, atassia, incoordinazione, tremori, comportamento anormale, ipermetria, nistagmo (gatti) e convulsioni tonico-cloniche. I casi avanzati possono essere caratterizzati da depressione, anoressia, difetti propriocettivi, cecità totale, paralisi, con alta mortalità. Il sistema nervoso dei giovani animali in via di sviluppo è particolarmente suscettibile all’esposizione al mercurio organico, e si manifesta frequentemente come atassia cerebellare associata a ipoplasia cerebellare e morte.

Autore

Show More

Related Articles

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker