Home Senza categoria Epic Games sta cercando di impedire a Google di togliere Bandcamp dal...

Epic Games sta cercando di impedire a Google di togliere Bandcamp dal Play Store

Perché è importante: Meno di due mesi dopo l’acquisizione del servizio musicale Bandcamp, Epic Games sembra volersi difendere. Tuttavia, questo caso si allinea perfettamente con le battaglie di Epic con i supporti della piattaforma mobile. Sta semplicemente usando Bandcamp nella sua crociata, o i loro interessi sono semplicemente coincidenti?

Questa settimana, Epic Games e la sua recente acquisizione Bandcamp si sono opposti alle imminenti modifiche alle politiche di Google, che costringeranno l’app musicale a elaborare i pagamenti digitali esclusivamente tramite il sistema di pagamento di Google. Il co-fondatore e CEO di Bandcamp Ethan Diamond ha affermato che ciò è incompatibile con lo scopo originale del servizio musicale. Epic, che ha raggiunto un accordo per l’acquisto di Bandcamp all’inizio di marzo, ha presentato una mozione in un tribunale della California con lo stesso sentimento.




Attualmente, Bandcamp elabora gli acquisti di musica digitale sul suo Android app attraverso il suo sistema di pagamento esistente, che le consente di trasferire l’82% dei ricavi delle vendite agli artisti. Durante alcune promozioni, offre tutti i proventi delle vendite agli artisti, motivo per cui il servizio è popolare tra i musicisti indie.

Gli utenti Apple possono solo ascoltare musica, acquistarla su supporti fisici o acquistare merchandising. L’app iOS di Bandcamp non elabora affatto gli acquisti digitali perché il taglio delle entrate richiesto da Apple rende impossibile per l’azienda essere così generosa. L’app per Android potrebbe finire in questo modo a meno che Epic o il sistema giudiziario non possano mediare un compromesso.

Finora, il sistema di pagamento di Google non era obbligatorio per gli acquisti di musica digitale su App del Play Store, ma l’eccezione termina il 1 giugno. Successivamente, Google prenderà il 10 percento delle entrate degli acquisti digitali dell’app Bandcamp. Epic e Bandcamp hanno affermato che ciò costringerebbe questi ultimi a trasferire il costo aggiuntivo ai consumatori (prendere il taglio dagli artisti non è un inizio per loro), rimuovere l’app Bandcamp o utilizzarla senza acquisti digitali come l’app iOS.

Il deposito del tribunale di Epic descrive le politiche di Google come monopolistiche e persino illegali. Riecheggia il linguaggio utilizzato da Epic nella sua battaglia legale contro Apple per il diritto di utilizzare la versione mobile di Fortnite senza utilizzare il sistema di pagamento di Apple.

Nonostante Epic abbia perso per lo più quella battaglia, i governi di tutto il mondo stanno iniziando a legiferare contro la forzatura delle app a utilizzare i sistemi di pagamento dei titolari di piattaforme. Alla fine del mese scorso, le autorità di regolamentazione olandesi hanno imposto ad Apple di consentire alle app di appuntamenti locali di utilizzare processori di pagamento di terze parti. Lo scorso agosto, la Corea del Sud ha approvato una legge che vieta a Google e Apple di forzare i propri sistemi di pagamento sulle app. Tali normative potrebbero scontrarsi con l’imminente modifica delle norme di Google.



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Umidità di risalita: quando si manifesta e come eliminarla definitivamente

L'umidità di risalita è un problema molto comune che ha come conseguenza quella di aggravare il degrado di un immobile molto rapidamente. Il fenomeno...

La versatilità delle strisce Led, ecco perché sceglierle

Le strisce Led rappresentano il miglior sistema di illuminazione più utilizzato negli ultimi anni presente in commercio, ideali per illuminare qualsiasi luogo, sia domestico,...

Covid 19: sarà riconosciuto come malattia professionale per i sanitari

Arriva finalmente una decisione che in molti aspettavano da tempo; la commissione UE ha stabilito che il Covid 19 è una malattia professionale per...

Come fai a vedere chi ti segue su Facebook, anche se non è tuo amico

Da diversi anni Facebook ha implementato un meccanismo attraverso il quale qualcuno può seguirti, vedere i tuoi post pubblici, mettere mi piace o...