Home Economia Gli aggiornamenti automatici nel Google Play Store infastidiscono e spaventano gli utenti....

Gli aggiornamenti automatici nel Google Play Store infastidiscono e spaventano gli utenti. Non può essere giusto!

Il messaggio “Le applicazioni potrebbero smettere di funzionare senza aggiornamenti” è un messaggio che sempre più utenti vedono sopra l’elenco dei download in stallo sul Google Play Store. Questo messaggio è stato interpretato da alcuni, insieme al testo che lo accompagna, come un pasticcio, come abbiamo riportato qualche giorno fa su questo blog. Il fastidio generale di questo messaggio è diventato più evidente con il tempo, ma non può essere cancellato.

Sembra che sia stata attivata per gli utenti Android che non hanno abilitato gli aggiornamenti automatici delle app. [Questi utenti possono ora accedervi. Alcuni utenti scelgono di aggiornare manualmente il proprio software piuttosto che farlo automaticamente, per esaminare in anticipo il changelog o per aspettare qualche giorno in più. È più probabile che i bug compaiano dopo l’installazione di aggiornamenti più consistenti. Ci sono situazioni in cui è consigliabile aspettare qualche giorno. È possibile che una release successiva contenga correzioni di bug.

Il messaggio non può essere nascosto

.
Comunque sia, ci sono vari motivi per non utilizzare l’opzione di aggiornamento automatico delle app. Google, tuttavia, non sembra preoccuparsi nel frattempo. Perché nell’area dei download in sospeso, il suddetto messaggio viene ora visualizzato in modo permanente per gli utenti. A seconda del dispositivo, occupa circa il 50% dello schermo e spinge in basso l’elenco degli aggiornamenti delle app aperte.

Una persona ha scritto nei commenti:

“È davvero fastidioso che questo messaggio di Google non possa essere allontanato, occupa il 60% dello schermo e solo il 40% rimane per controllare le app, se ne vale la pena con molti MB se nemmeno gli sviluppatori forniscono informazioni su cosa esattamente deve essere ‘migliorato'”.

Gli utenti si sentono costretti

Sul mio Pixel 6 Pro, il problema non è così grave. Ma chi utilizza un display a bassa risoluzione o un display di testo più grande probabilmente vedrà molto meno l’elenco degli aggiornamenti delle app aperte.

Commento: l’infotext dovrebbe essere altrove

.
Vorrei anche dire che questo testo informativo dovrebbe essere solo quello in cui è possibile disattivare le applicazioni automatiche. Sicuramente questo dovrebbe essere sufficiente. Altrimenti, Google potrebbe anche rimuovere l’opzione se vuole censurare gli utenti attraverso la via della segnalazione. Quindi sono assolutamente d’accordo con coloro che non si accontentano di questa segnalazione perché in fin dei conti hanno deliberatamente disabilitato gli aggiornamenti automatici delle app.



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Cipralex: recensioni, conseguenze cerebrali, effetti collaterali, gocce

Le persone cercano anche il cipralex danneggia il cervello tvil cipralex danneggia il cervello e il cipralex danneggia il cervello filmil cipralex danneggia il cervello 2020 il...

Legge 104, in arrivo un aumento e gli arretrati: almeno 105 euro in più, chi può essere contento?

Gli sgravi della Legge 104 prevedono per i beneficiari aumenti e arretrati. Esaminiamo le specifiche di questa sorprendente eventualità. Determinare i requisiti per i titolari...

Azioni Exxonmobil: oggi, storico, previsioni 2022

Exxon Mobil Corporation è una compagnia impegnata nel settore energetico; il core business della società è l'esplorazione e la produzione di petrolio...

Umidità di risalita: quando si manifesta e come eliminarla definitivamente

L'umidità di risalita è un problema molto comune che ha come conseguenza quella di aggravare il degrado di un immobile molto rapidamente. Il fenomeno...

La versatilità delle strisce Led, ecco perché sceglierle

Le strisce Led rappresentano il miglior sistema di illuminazione più utilizzato negli ultimi anni presente in commercio, ideali per illuminare qualsiasi luogo, sia domestico,...