Prende forma il nuovo assetto societario di Louis Vuitton, punta di diamante del colosso francese LVMH, la società che raggruppa i principali brand del segmento luxury mondiale.

Il presidente del gruppo, il 73nne Bernard Arnault, il sella più che mai, ha deciso un nuovo giro di incarichi all’interno del gruppo, dopo aver portato a 80 anni l’età massima per il Ceo dell’azienda.

Arnault ha voluto il primo italiano alla guida di LV, Pietro Beccari, già manager del gruppo.

Beccari, nato a Parma nel 1967, precedentemente a capo di Henkel, è approdato proprio alla LVMH come vicedirettore del marketing proprio di LV (louis vuitton sito ufficiale).

Successivamente è passato alla guida di Fendi dove ha ottenuto importanti risultati, che gli sono valsi l’incarico di amministratore di Dior nel 2017.

Qui Beccari riesce a triplicare il fatturato, risultato che, secondo gli analisti, sarebbe stato destinato a crescere ulteriormente. Gli succede a capo di Dior, Delphine Arnault, figlia del presidente del Gruppo.

Luois Vuitton, nuovo store in centro a Milano

Altra importante novità per la maison francese, che inaugura in via Bagutta a Milano, nei pressi di Piazza San Babila, il nuovo spazio espositivo (Louis Vuitton borse).

Lo store nasce nell’ex Garage Traversi, la struttura progettata nel 1939 da Giuseppe De Min che rappresenta un esempio brillante di architettura razionalista.

Lo store occuperà due piani, dedicati all’esposizione e vendita retail delle collezioni ma che ospiteranno anche mostre e progetti culturali ed artistici.

Non a caso a dominare il look nella nuova “casa” milanese di LV saranno i temi e i colori dell’artista giapponese Yayoi Kusama, i cui richiami si ripetono sia all’esterno che all’interno dello store.

La scelta della capitale della moda italiana per l’inaugurazione dello spazio espositivo avviene quasi in contemporanea con l’arrivo di alcune sculture proprio dell”artista orientale, esposte in Piazza San Babila.

Continua, dunque, il sodalizio tra il nostro paese e la prestigiosa maison Louis Vuitton Italia (www.louisvuitton.com), simbolo da sempre di eleganza ed esclusività (borse Louis Vuitton).

LVMH: non si arresta la crescita del lusso

Sembra non conoscere crisi il polo della moda e del lusso, uno dei pochi comparti dell’economia mondiale ad essere cresciuto nonostante la pandemia.

Il colosso LVMH, che oltre a Louisvuitton controlla brand esclusivi come Bulgari, Fendi, Dior, Moët & Chandon e moli altri, ha fatto registrare nel 2022 una crescita del 9,2%, trend positivo mantenuto anche nell’ultimo trimestre.

Il titolo oggi ha raggiunto a Parigi la quotazione 785,3 euro, dopo aver siglato il nuovo massimo dell’anno a 787,9, in crescita dell’1,5%.

Non ha dubbi il consensus che si posiziona con decisione sulla raccomandazione Strong Buy.

Previsioni Louis Vuitton

Previsioni di crescita per il prezzo soprattutto nel breve periodo anche se l’analisi tecnica mostra lo stocastico ormai in area ipercomprato e l’oscillatore RSI che replica la stessa posizione.

Attenzione, dunque, a possibili correzioni momentanee di sistema volte a smaltire i recenti accumuli.

Segnaliamo anche l’indice di volatilità molto alto, al 30% circa, mentre l’area di prima resistenza staziona sempre a quota 793.

Come spunto operativo nel lungo periodo, gli analisti raccomandano di andare long per aggredire il target price di 850/900 euro già nel primo semestre del 2023.