Please wait..

Canzoni sui diritti: le 20 più belle

Canzoni diritti umani

Martin Luther King Jr. aveva un profondo rispetto per la musica come strumento di cambiamento. La Marcia su Washington del 1963, dove King pronunciò il suo discorso “I Have a Dream”, prevedeva esibizioni dal vivo di Peter, Paul and Mary, Harry Belafonte, Marian Anderson, Mahalia Jackson, Joan Baez e Bob Dylan, solo per citarne alcuni. In un pezzo che scrisse per il Festival Jazz di Berlino del 1964, King disse questo sul ruolo della musica nella nostra vita: “Dio ha fatto molte cose dall’oppressione. Ha dotato le sue creature della capacità di creare, e da questa capacità sono scaturite le dolci canzoni di dolore e di gioia che hanno permesso all’uomo di affrontare il suo ambiente e molte situazioni diverse”. La musica ha chiaramente giocato un ruolo da protagonista nel movimento per i diritti civili. La gente marciava sulle canzoni della libertà, mentre artisti da Sam Cooke a Dylan portavano il messaggio alle masse in registrazioni durature come “A Change is Gonna Come” e “Blowin’ in the Wind”.

Canzoni del momento: diritti inespressi

I seguenti sono esempi di canzoni contemporanee che sostengono o sensibilizzano sui diritti umani. Ascolta alcune di queste canzoni e annotare attentamente i loro testi. Prova ad aggiungere alla lista trovando alcuni esempi attuali di canzoni bambini legate ai diritti umani.
  • John Lennon: “Give Peace a Chance”, “Imagine”
  • Sarah McLachlan: “Shelter”
  • John Kongos (Sudafrica): “He’s Gonna Step on You Again”
  • Willie Dunn: “Charlie Wenjack” (Willie Dunn è un cantante cantante aborigeno canadese. La canzone parla di un 12enne vittima delle scuole residenziali scuole residenziali che morì scappando da scuola nel 1966).
  • Bob Marley (Wailers): “Get Up, Stand Up”, “War”
  • Billie Holiday, “Strange Fruit”, composta da Lewis Allen (vero nome Abel Meerepol)
  • Gordon Lightfoot: “Black Day in July”
  • Buffy Ste-Marie: “Universal Soldier”, “Bury My Heart at Wounded Knee”
  • U2: “One”, “Sunday Bloody Sunday”, “The Refugee”
  • Buffalo Springfield: “For What It’s Worth”
  • Joan Baez: “We Shall Overcome”
  • Bob Dylan: “The Times They Are a’ Changing”
  • Sting: “They Dance Alone”
  • Bruce Cockburn: “It’s Going Down Slow”, “Call It Democracy”
  • Bryan Adams, David Foster: “Tears Are Not Enough”
  • The Hollies, Cher, Rufus Wainwright: “He Ain’t Heavy, He’s My Brother”
  • Da notare che ci sono anche molti esempi di artisti, sia canadesi che internazionali, che si sono esibiti in concerti di beneficenza a sostegno dei diritti umani o che hanno sostenuto pubblicamente le cause dei diritti umani. Potresti voler raccogliere ritagli di notizie su questi tipi di eventi per creare un portfolio di Arti e Diritti Umani, diritti reali(diritti umanitari e diritti dei bambini)

Canzoni sui diritti internazionali

Arrested Development, ‘Revolution’ (1992) Questi pesi massimi dell’hip-hop alternativo registrarono “Revolution” per usarla nel biopic di Spike Lee su Malcolm X, che qui si guadagna uno shout-out insieme a Marcus Garvey e Harriet Tubman, tra altri attivisti sociali. Il brano inizia con una dedica parlata a “tutti i miei antenati che sono stati violentati, che sono stati uccisi e impiccati a causa della loro lotta per la libertà e per la dignità”. Aerle Taree prende la prima strofa, rappando: “Ho marciato fino a quando i miei piedi hanno sanguinato/e mi sono ribellato fino a quando hanno chiamato i federali/”Cosa è rimasto?”, ha detto la mia coscienza. Ciò che resta è la rivoluzione. Come Speech inquadra la questione, “Ci deve essere azione/Se vuoi soddisfazione/Se non per te stesso/Per i giovani”. The Game, ‘Don’t Shoot’ (2014) In risposta alla sparatoria fatale a Ferguson, nel Missouri, di un nero disarmato, Michael Brown, da parte di un poliziotto bianco, The Game ha reclutato un cast all-star di colleghi rapper per unirsi a lui in questo toccante brano di protesta. DJ Khaled dà il tono con una preghiera di protezione “mentre teniamo le mani in alto e gridiamo per la giustizia”. E dopo un’infuocata strofa finale di Problem, che è stanco di urlare e pronto a infuriarsi, The Game passa il microfono a sua figlia per un ultimo ritornello, la cui giovane voce aggiunge un impatto agghiacciante. “È ora di prendere posizione e salvare il nostro futuro come se ci avessero sparato, ci hanno sparato”, canta lei. “Alziamo le mani, non lasciamo che ci sparino perché siamo tutto ciò che abbiamo, siamo tutto ciò che abbiamo. Dio non ci ha messo sulla terra per essere uccisi, è omicidio”. Poi, dopo aver ripetuto quella frase sull’omicidio, finisce con una semplice richiesta: “Non puntate le vostre armi contro di me”. Marvin Gaye, “Inner City Blues (Make Me Holler)” (1971) “What’s Going On” fu forse l’album socialmente rilevante della sua epoca, un ciclo di canzoni soul che trova la star della Motown a rispondere a una litania di mali sociali, dalla povertà all’abuso di droga, ai problemi ambientali e alla guerra in Vietnam. In “Inner City Blues (Makes Me Wanna Holler)”, il cantante parla direttamente della disparità economica sperimentata da coloro che lottano per ritagliarsi una vita nelle inner cities americane, mettendo in discussione le priorità del governo. Nella strofa di apertura, stabilisce il tono mettendo in rima “Rockets, moon shots” con un appello a “spendere per i poveri”. Nella seconda strofa, canta delle famiglie che mandano i figli in guerra per far quadrare i conti. E prima che la canzone sia finita, si sofferma sul “trigger happy policing” in risposta all’aumento del crimine quando la gente disperata si rivolge al crimine come soluzione ai propri problemi economici.

Autore

Show More

Related Articles

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker