Home Economia NFT: Una visione d’insieme di questi “beni digitali

NFT: Una visione d’insieme di questi “beni digitali

0
NFT: Una visione d’insieme di questi “beni digitali

I NFT,oggetti speciali molto apprezzati dai collezionisti, sono diventati un vero e proprio fenomeno nelle sale d’asta e hanno trasformato il mercato dell’arte e della cultura, ma il loro uso da parte dei novizi rimane una procedura che non tutti possono permettersi.Una panoramica di questi “beni digitali” è stata fornita lo scorso fine settimana dal sito ednh.news.fr.

Cos’è un NFT?

Il nome “NFT” è un acronimo di “Non-Fungible Token”, che si traduce come “Gettone non fungibile”, cioè un oggetto che non può essere scambiato con un equivalente (ad esempio una banconota da 5 euro scambiata con un’altra banconota da 5 euro).

Un NFT è un “oggetto digitale” la cui proprietà può essere tracciata. In concreto, si tratta di un contratto le cui regole sono definite da un codice informatico, basato su un oggetto virtuale o reale.

Queste regole possono limitare il numero di copie disponibili per la vendita, autorizzare una “riedizione” o organizzare un sistema di royalties che permette all’autore originale di un’opera di essere remunerato per ogni transazione, secondo Agerpres

Si tratta di un nuovo tipo di asset digitale, modellato sulle criptovalute come Bitcoin, che utilizza la tecnologia blockchain, cioè un archivio di autenticazione condiviso tra una moltitudine di individui senza un’autorità centrale.

NTF Chi li compra?

Per lo più collezionisti o speculatori, che sperano di poterli vendere più tardi e trarne profitto.

Di conseguenza, gli NFT sono diventati la posta in gioco in diverse aste spettacolari, come la vendita del primo post del CEO di Twitter per 2,9 milioni di dollari.

Sono anche utilizzati nei videogiochi, nei film e nella musica, ma sono anche oggetto di iniziative più originali, come l’acquisto di terreni virtuali o l’allevamento di cavalli da corsa virtuali.

NTF Come funziona?

Come per le criptovalute, gli NFT possono essere comprati e venduti su piattaforme specializzate.

Durante una transazione, l’oggetto designato dall’NFT non viene necessariamente consegnato, ma solo un certificato di autenticità registrato nelle liste della blockchain del proprietario.

Per la conservazione dei suoi diritti su quel certificato, è indispensabile un portafoglio digitale, sia esso un software che prende la forma di un’estensione di un browser web o un oggetto sicuro collegato che prende la forma di una chiavetta USB.

Prima della transazione, quel portafoglio dovrà essere approvvigionato con una criptovaluta, ma è ugualmente possibile per l’utente “creare” un NFT da solo, usando conoscenze informatiche.

Quali sono i rischi?

L’acquisto, la vendita e l’utilizzo di un NFT oggi rimane tecnico e a volte poco compreso, il che può creare alcuni rischi per gli investitori.

Per ogni interazione con blockchain, alcune spese sono necessarie per remunerare le persone incaricate di verificare le transazioni.

Come spiega un recente rapporto pubblicato dalla piattaforma specializzata Chainalysis, “l’acquisto di NFT appena creati da una collezione molto attesa è un processo altamente competitivo, con migliaia di utenti che sperano di comprare nello stesso momento”.

In questi casi, le numerose transazioni non vanno tutte a buon fine, ma gli addebiti rimangono validi e sono talvolta piuttosto alti, a seconda del tasso di cambio delle criptovalute spesso utilizzate come pagamento.

Alcuni acquirenti sono determinati ad avere successo e possono usare bot (potenti software per piazzare gli ordini), il che rende l’intera operazione ancora più incerta per un investitore inesperto.

“I dati suggeriscono che gli NFT sono tutt’altro che un investimento infallibile”, sottolineano gli esperti di Chainalysis, il che spiega perché gli oggetti e le collezioni NFT sono spesso venduti a un prezzo migliore agli appassionati che sono stati coinvolti nella promozione del progetto.

Nel 2021, “un gruppo molto piccolo di investitori molto esperti ha guadagnato la maggior parte dei profitti associati alle collezioni NFT”, secondo il rapporto Chainalysis.



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here