Elon Musk vuole annullare un accordo da 20 milioni di dollari con la Securities and Exchange Commission

[ad_1]
Elon Musk vuole annullare un accordo da 20 milioni di dollari con la Securities and Exchange Commission插图

Elon Musk non si tira indietro nella sua campagna contro la Securities and Exchange Commission (SEC).

Secondo Ars Tecnica, Capo Tesla ha chiesto a un tribunale federale di terminare il suo accordo da 20 milioni di dollari con la Securities and Exchange Commission nel 2018 per le accuse secondo cui l’autorità di regolamentazione ha fatto pressioni su di essa per raggiungere un accordo e ha superato i suoi limiti. Musk si è sentito “costretto” a firmare il decreto di consenso in un momento in cui la salute finanziaria di Tesla era in pericolo, secondo un’ingiunzione del tribunale. L’esecutivo di EV ha anche insistito su a dichiarazioneche ha detto la verità nei tweet, nel mezzo della disputa – ha affermato che stava davvero pensando di rilevare Tesla in privato e che si è assicurato i finanziamenti.

Musk ha anche descritto l’approccio della SEC come “abuso del governo”. I funzionari avrebbero utilizzato l’accordo per garantire il diritto alla libertà di espressione del suo Primo Emendamento Muschio, chiedendo loro di trasmettere i tweet attraverso un monitor approvato che determinerà cosa potrebbero dire. La SEC ha anche reso la conformità “più onerosa” di quanto inizialmente richiesto dall’accordo, ha affermato l’avvocato di Musk. Si sostiene che la Commissione ha interpretato il decreto di approvazione come attribuente poteri che prima non aveva, consentendole di emettere atti di citazione e comunque di svolgere “interminabili indagini”.

Elon Musk non è d’accordo con la SEC

Musk ha anche chiesto un ordine in cui si affermava che una citazione di insider trading del novembre 2021 andava oltre l’autorità della SEC ed era stata emessa in “malafede”. Il sondaggio di Twitter in questione aveva solo lo scopo di raccogliere informazioni, ha affermato Muschio, e non una divulgazione di informazioni che l’esecutivo dovrebbe riferire alla SEC. La commissione sta indagando se il fratello di Musk, Kimbal, fosse a conoscenza dell’imminente sondaggio quando ha venduto azioni Tesla il giorno prima.

L’appaltatore ha regolarmente combattuto contro la SEC. Ha “preso in giro” l’agenzia pochi giorni dopo aver annunciato l’accordo del 2018 e ha detto che poteva scrivere su Twitter quello che voleva. Più di recente, lui e Tesla hanno accusato la SEC di aver organizzato una “campagna di molestie” per soffocare le critiche al governo. I due hanno sostenuto che la SEC non poteva emettere citazioni senza la necessità dell’approvazione del tribunale.

Tuttavia, Musk potrebbe non voler fare affidamento sulla vittoria. Il tribunale ha respinto le precedenti domande, sostenendo che non erano sufficientemente specifiche. Quest’ultimo sforzo è più mirato, ma dipende anche dal fatto che il tribunale accetti la versione dei fatti di Musk, e questo è tutt’altro che garantito.

[ad_2]

Autore

Show More

Related Articles

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker