Home Senza categoria POCO M4 Pro 4G Unboxing: i telefoni 4G non sono più necessariamente...

POCO M4 Pro 4G Unboxing: i telefoni 4G non sono più necessariamente un compromesso… se non vuoi video 4K

Abbiamo messo le mani sul POCO M4 Pro 4G a Barcellona al MWC 2022 e vi abbiamo dato un hands on da lì. Attenzione, da non confondere con il POCO M4 Pro 5G, lanciato nell’autunno 2021 e rapidamente arrivato in stock in Romania. Qui abbiamo un telefono 4G, con un aggiornamento dello schermo (con AMOLED invece dell’LCD della versione 5G), una grande batteria e la già classica tripla fotocamera da 64 MP. Ha anche MIUI 13 POCO Edition e costa 1049 lei in loco. Ho preso il telefono dalla scatola qui sotto.

Nella scatola

Nella scatola c’è la chiave SIM, il cavo da USB-C a USB-A, la custodia, il manuale, la garanzia e il caricatore da 33W.




Design

Il telefono è disponibile in tonalità come giallo, nero o blu, e quello giallo è tipico POCO con la combinazione di colori giallo più nero. Abbiamo quello nero, che è un po’ più elegante, ma anche più difficile da pulire, con la parte posteriore lucida che attira impronte digitali e grasso.

POCO M4 PRO 4G

Il POCO M4 Pro 4G misura 8,1 mm in vita, pesa 179,5 grammi e viene fornito con certificazione IP53 per la resistenza agli spruzzi e alla polvere. Ha una parte posteriore lucida che attira le particelle di polvere, ma i bordi piatti aiutano la presa nel miglior modo possibile. Lo schermo è dotato di una protezione in plastica applicata in fabbrica.

Hardware

Questo telefono 4G dispone di uno schermo AMOLED da 6.43 pollici, quel “sweet spot” di diagonali sufficienti per la gestione con una sola mano, ma anche un’esperienza di paesaggio OK nei giochi. Ha una risoluzione di 2400 x 1080 pixel, una frequenza di aggiornamento di 90 Hz , Gorilla Glass 3, un rapporto di aspetto di 20:9 e un foro per la fotocamera selfie. All’interno c’è un processore MediaTek Helio G96 da 12nm , una CPU octa-core da 2.05GHz con GPU Mali G57 MC2. Questo processore si trova anche sul Realme 8i e Redmi Note 11 Pro 4G.

Viene fornito con 6GB RAM e 128GB storage sulla versione che abbiamo testato. Abbiamo anche uno slot microSD dedicato e una batteria 5000 mAh , già la norma per i POCO. Si carica a 33W e sulla carta promette di raggiungere il 100% in 58 minuti. Ha anche altoparlanti stereo, jack audio, lettore di impronte digitali nel pulsante di accensione piatto sul lato, ed emettitore di infrarossi sulla parte superiore. Tornerò agli altoparlanti per un momento per dirvi che li abbiamo separatamente, superiore e inferiore, non auricolare e inferiore.

Sul lato della connettività abbiamo 4G, Wi-Fi dual band, Bluetooth 5.0, GPS, AGPS, Glonass, BDS, Galileo, ma anche NFC e porta USB-C 2.0.

Macchina fotografica

Nessuna grande sorpresa sulla macchina fotografica! Abbiamo il 16 megapixel con ripresa FHD e messa a fuoco fissa per i selfies sul davanti, e sul retro troviamo quella modalità extra wide, che lascia spazio a un grande e facilmente identificabile logo POCO. Arriva un sensore 64 megapixel con apertura F/1.8 e PDAF, pixel da 0,7 micron, poi arriva la fotocamera 8 MP ultrawide con cattura a 118 gradi ma anche apertura F/2.2, più la fotocamera 2 MP Macro con apertura F/2.4.

POCO M4 PRO 4G

Il tutto completato da un flash LED e completo di ripresa limitata Full HD a 30 FPS. Non sarebbe male un 4K o un FHD a 60 FPS almeno. L’interfaccia della fotocamera include funzioni come Panorama, Time Lapse, Slow Mo, Documenti, Ritratto e Notte . Abbiamo anche l’AI, stampato sulla fotocamera a proposito, Macro, Tilt Shift e la modalità Pro sia per le foto che per i video.

Software

Come sistema operativo, questo POCO opta per un Android 11 con MIUI 13 per POCO anche se le modifiche sono minime rispetto a una MIUI classica. A sinistra abbiamo news feed, Recents è su due colonne, Control Center è un modo “iOS-like” per visualizzare le bolle Quick Settings, app drawer è diviso in categorie.

Abbiamo anche sfondi live, Dark Mode, Always On Display, più Game Turbo per i giocatori. WPS Office gestisce la produttività e confesso che abbiamo un sacco di bloatware qui, un sacco di applicazioni non così utili pre-installate, compresi i giochi casuali.

Impressioni

Sto vedendo una moda del telefono 4G che inizia a ritagliarsi una vera nicchia di mercato, con una batteria superiore alla media, schermo di qualità, altoparlanti stereo, infrarossi, processore ragionevolmente potente. È per coloro che non si preoccupano del 5G, non hanno bisogno di girare in 4K, ma vogliono solo una lunga durata della batteria, un telefono affidabile e se possibile di bell’aspetto.

Questo POCO soddisfa entrambi i criteri e stringe meno la cinghia rispetto ai POCO che lo hanno preceduto. Se possiamo vivere senza video 4K e una CPU a 12nm è nella recensione.

POCO M4 Pro 4G, prețuri actualizate:

  • eMAG
  • evoMAG
  • QuickMobile (-3% folosind codul QUICK202)
  • Compari

POCO M4 Pro 4G Unboxing



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Legge 104, in arrivo un aumento e gli arretrati: almeno 105 euro in più, chi può essere contento?

Gli sgravi della Legge 104 prevedono per i beneficiari aumenti e arretrati. Esaminiamo le specifiche di questa sorprendente eventualità. Determinare i requisiti per i titolari...

Azioni Exxonmobil: oggi, storico, previsioni 2022

Exxon Mobil Corporation è una compagnia impegnata nel settore energetico; il core business della società è l'esplorazione e la produzione di petrolio...

Umidità di risalita: quando si manifesta e come eliminarla definitivamente

L'umidità di risalita è un problema molto comune che ha come conseguenza quella di aggravare il degrado di un immobile molto rapidamente. Il fenomeno...

La versatilità delle strisce Led, ecco perché sceglierle

Le strisce Led rappresentano il miglior sistema di illuminazione più utilizzato negli ultimi anni presente in commercio, ideali per illuminare qualsiasi luogo, sia domestico,...

Covid 19: sarà riconosciuto come malattia professionale per i sanitari

Arriva finalmente una decisione che in molti aspettavano da tempo; la commissione UE ha stabilito che il Covid 19 è una malattia professionale per...