Gli sgravi della Legge 104 prevedono per i beneficiari aumenti e arretrati. Esaminiamo le specifiche di questa sorprendente eventualità.

Determinare i requisiti per i titolari della Legge 104 per ottenere l’aumento mensile con gli arretrati.

I titolari della Legge 104 sono coloro le cui condizioni di salute pericolose necessitano di assistenza economica o assistenziale. Tutte le persone con disabilità fisica, sensoriale o mentale documentata possono chiedere di accedere alla misura per ricevere significativi vantaggi. Il sostegno viene offerto non solo a chi è direttamente colpito da una particolare patologia, ma anche ai caregiver, cioè ai familiari che si occupano in modo continuativo della persona disabile. L’IVA al 4% e gli sconti del 19% per l’acquisto di un veicolo sono esempi di vantaggi per i beneficiari della Legge 104 e per i caregiver. Poco si sa di una delle disposizioni che consente un aumento mensile di 105 euro più arretrati. Scopriamo di cosa si tratta.

Legge 104, ottenimento di un aumento e arretrati

Siete curiosi di conoscere l’agevolazione che consente di ottenere un importo mensile aggiuntivo, compresi gli arretrati? Ebbene, si tratta di un riferimento all’aumento offerto all’Assegno Unico Universale per un figlio a carico con disabilità grave. Da marzo, l’Assegno unico universale ha preso il posto degli assegni familiari e di altre iniziative incentrate sulla famiglia. Viene distribuito alle famiglie con figli minori o adulti a carico fino a 21 anni. (a condizione che frequentino un corso universitario, uno stage o un corso di formazione scolastica o professionale). Gli importi erogati vanno da un minimo di 50 euro (ISEE superiore a 40.000 euro) a un massimo di 175 euro (ISEE fino a 15 mila euro). Di conseguenza, sono previste delle maggiorazioni da applicare all’importo dovuto se vengono soddisfatti determinati requisiti. L’Assegno Unico Universale può essere aumentato fino a 105 euro per i nuclei familiari con figli a carico portatori di handicap grave.

Importi degli aggiornamenti dell’assegno unico

Le famiglie con figli gravemente disabili beneficeranno dell’Assegno Unico indipendentemente dall’età del bambino e con una maggiore spesa. L’importo mensile aggiuntivo è di 105 euro nel caso in cui il familiare a carico non sia autosufficiente, di 95 euro al mese in caso di invalidità grave e di 85 euro in presenza di invalidità media. Se il figlio è maggiorenne, invece, si riceveranno 80 euro fino ai 21 anni e 85 euro oltre i 21 anni. Gli importi saranno, poi, erogati per intero ai nuclei familiari con ISEE fino a 15 mila euro e diminuiranno gradualmente all’aumentare del valore ISEE.

Come ricevere gli assegni arretrati

Per ottenere l’aumento dell’assegno unico, sarà indispensabile comunicare all’INPS l’handicap grave del bambino. L’ente previdenziale inizierà a erogare l’assegno con la maggiorazione fino a 105 euro al ricevimento della domanda e della verifica delle condizioni di ammissibilità. Se si presenta la domanda prima del 30 giugno 2022, si avrà diritto a ricevere anche i versamenti retroattivi a partire dal mese di marzo. Dopo questa data, invece, non si avrà più la possibilità di ricevere gli arretrati, ma si potrà comunque beneficiare dell’aumento nei mesi successivi.