Serpenti, quali sono le razze più pericolose? Info e consigli salvavita

Serpente più grande del mondo: serpenti italiani

L’anaconda gigante è il termine con cui vengono descritti tutti i casi di avvistamento di anaconda abnormi e dalla mole fuori norma. Le storie riguardanti queste creature sproporzionate circolano nell’America del Sud, più in specifico nell’Amazzonia, dove si registrano casi d’avvistamento e folklore locale sin dall’arrivo dei pionieri nel continente.

Serpenti velenosi: anaconda gigantesca e biscia d’acqua

Un anaconda medio non supera i 6 metri di lunghezza e i 250 kg di peso, ma proprio i racconti e le storie su esemplari lunghi dagli 11 metri in su hanno scatenato l’interesse da parte di criptozoologi e zoologi. Al pari dell’anaconda gigante, nel Sud-est asiatico corre voce di esemplari giganteschi di pitone reticolato, che comunque mediamente ha una lunghezza superiore all’anaconda ed è di proporzioni simili alla anaconda verde, l’esemplare più lungo e pesante della specie. L’assenza di prove perlomeno fotografiche che confermino l’effettiva presenza di esemplari superiori agli 11 metri fa sì che l’ipotesi di questa specie cada nella criptozoologia.

Il serpente più grande al mondo: vipera italiana e serpente nero

L’arrivo dei coloni europei nelle Americhe ha portato in Occidente il folklore nativo di questi territori, e insieme ad esso i primi avvistamenti di esemplari giganti superiori ai 18 metri, peraltro già frutto di racconti presso i locali del posto. Esiste un premio in denaro offerto dalla Wildlife Conservation Society dal valore attuale di 50.000 $ per chiunque riesca a portare vivo o morto un esemplare superiore ai 9 metri di lunghezza, ma nonostante i numerosi avvistamenti riportati, nessuno fino ad oggi ha riscosso la somma.

Nel 1906, l’avventuriero Percy Fawcett raccontò di aver sparato e ucciso un anaconda di 19 metri, e alla pubblicazione di un libro sulle vicende venne ridicolizzato dalla comunità zoologica; solamente lo zoologo belga Bernard Heuvelmans stette dalla sua parte credendo all’onestà delle sue dichiarazioni.Pare che nel 1944, durante una spedizione petrolifera in Colombia, sia stato avvistato e misurato un esemplare di anaconda di 11,4 metri, ma la veridicità di queste affermazioni non è mai stata provata. In racconti dei nativi americani si parla di serpenti lunghi dai 30 ai 45 metri, ma anche in questo caso e più di ogni altro, la mancanza di prove autentiche al riguardo fa ricadere l’argomento puramente nella criptozoologia.

Serpenti enormi e bisce d’acqua: nomi in Italia

  • Boa constrictor.
  • Anaconda gialla.
  • Pitone ametistino.
  • Pitone delle rocce indiano.
  • Pitone delle rocce africano.
  • Pitone delle rocce birmano.
  • Pitone reticolato.
  • Anaconda verde.

Il serpente più lungo del mondo

Il Titanoboa (Titanoboa cerrejonensis Head et al., 2009) è un genere estinto di serpente vissuto in America Meridionale circa 60 milioni di anni fa, nel Paleocene, il periodo immediatamente successivo all’estinzione di massa del Cretaceo-Paleocene. L’unica specie conosciuta è Titanoboa cerrejonensis, il serpente più lungo, largo e pesante mai scoperto, che ha soppiantato il precedente detentore del record, il gigantofide. La scoperta è stata annunciata il 4 febbraio 2009 sulla rivista Nature. Esaminando i resti fossili, i ricercatori hanno stimato che gli individui più grandi di T. cerrejonensis potessero arrivare fino a 15 metri di lunghezza per un peso superiore a 1.100 kg, con un diametro di circa 1 metro (3 piedi). Secondo alcune stime il Titanoboa poteva raggiungere anche le 250 vertebre.

Autore

Show More

Related Articles

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker