Scopriamo da vicino chi è Francesca Donato, europarlamentare, avvocato e politico Italiano. Da dove viene? Qual è stata la sua vita prima di entrare in politica e qualche indiscrezione su questa donna impegnata da anni in politica ed ex leghista.

Biografia di Francesca Donato

Francesca Donato nasce ad Ancona da una famiglia di origini Venete il 25 agosto 1969.  Già da molto piccola si sposta in diverse città italiane, evidentemente a causa del lavoro e della vita dei suoi genitori.

Si iscrive al Liceo Linguistico di Mestre ed inizia a lavorare come interprete per diverse aziende internazionali con clienti stranieri come Philip Morris.

Poi, decide di proseguire gli studi presso la facoltà di Giurisprudenza di Modena e Reggio Emilia dove si laurea nel ‘96 e diventa avvocato penalista iniziando ad esercitare la professione a Padova.

Francesca si sposa nel ‘99 con Angelo Onorato di origini palermitane, e si trasferisce con lui proprio a Palermo. Sempre nel ’99 e poi nel 2003 ha i suoi due figli, e qualche anno dopo riprende ad esercitare la professione di avvocato nel foro di Palermo.

Questa volta esercita come avvocato civilista, soprattutto nel ramo commerciale fino al 2012.

A partire dal 2013 diventerà fondatrice del progetto Eurexit muovendo delle critiche nei confronti dell’Euro e dei meccanismi della moneta unica.

Dal 2017 diventa amministratore di Desigea srl, una società di progettazione che collabora anche con l’Università di Palermo.

È nota al pubblico italiano per delle comparse in trasmissioni televisive e per la sua attiva partecipazione a seminari politici.

Nel 2021 fonda poi Rinascita repubblicana. Ma vediamo nel dettaglio anche la sua carriera politica. È possibile trovare Francesca Donato sul social Twitter con un profilo anche piuttosto attivo: nome @ladyonorato

La carriera politica

La carriera politica, insieme all’avvocatura, è quella che occupa la maggior parte della vita di Francesca Donato.

Nel 2014 si candida alle elezioni europee dalla Lega Nord, ma non verrà eletta al Parlamento europeo. Nel 2018 decide di riavvicinarsi alla politica, diventa il segretario del circolo Lega a Palermo e riprende l’attività del Progetto Eurexit iniziata qualche anno prima. Viene poi eletta nel Parlamento Europeo nel 2019 ricandidandosi nuovamente con la Lega alle elezioni europee di quell’anno.

Nel 2021 decide però di lasciare la Lega e questa decisione la farà espellere dall’eurogruppo. Nello stesso anno, quindi, decide di fondare il partito Rinascita Repubblicana con cui si candida a sindaco di Palermo.

Attorno alla sua figura ruotano delle polemiche piuttosto pesanti e controverse. Pare infatti che lei abbia dichiarato che la frase “il vaccino rende liberi” riferita al vaccino contro il Coronavirus, potesse essere paragonata alla celebre quanto triste frase riportata all’ingresso del campo di concentramento di Auschwitz.

In risposta a questa sua dichiarazione l’Auschwitz Memorial ha deciso di rispondere affermando di non utilizzare questi importanti fatti storici per la propaganda politica.

Francesca Donato è stata fin da subito contraria al vaccino anti-covid ed ha intrapreso, una campagna anti-vaccinale.

Continua per molto tempo durante tutta la pandemia ad essere al centro dei riflettori a causa delle sue dichiarazioni contro l’efficacia dei vaccini e affermando la pericolosità degli stessi sulla salute dei cittadini.