Please wait..

Nessun arresto per l’uomo Pitbull incendiato a Palermo

Notizie di Palermo: uomo non arrestato dopo aver dato fuoco al suo pitbull. Ulteriori dettagli sul caso.

Milo Infante, noto come conduttore del programma Ore 14, ha rivelato in una recente intervista che l’autore dell’attentato incendiario della Vipera a Palermo è ancora in libertà, nonostante sia stato arrestato dai carabinieri giovedì scorso (11 dicembre). Infante ha dichiarato che l’uomo ha minacciato e aggredito diversi residenti questa mattina e ha espresso il suo profondo shock per l’accaduto. Tuttavia, secondo la legge italiana vigente, l’uomo non sarà incarcerato.

Ultime notizie su aggressioni e minacce: ecco la situazione

Il corrispondente Alan David Cifo, in collegamento dall’ex lavatoio occupato abusivamente dall’uomo che ha bruciato il cane, ha raccontato che questa mattina i vigili del fuoco, la polizia antisommossa e i proprietari hanno risposto alle minacce dell’uomo contro i residenti. I proprietari hanno deciso di murare tutte le aperture della proprietà per evitare ulteriori intrusioni. L’uomo ha occupato illegalmente questa proprietà privata a metà dicembre e il 24 dicembre ha dato fuoco alla legna. Ne è seguito un tragico incidente con il cane.

Aron, un pitbull, è in condizioni critiche.

Un pitbull di nome Aron, bruciato vivo dal suo padrone, è attualmente in condizioni critiche, in pericolo di vita o di morte. Il direttore dell’ospedale veterinario che ha in cura Aron ha dichiarato: “Le condizioni di Aron sono estremamente gravi. Purtroppo la prognosi di Aron non è buona e le sue condizioni continuano a peggiorare. Il cane era completamente carbonizzato e la sua temperatura corporea era di 40 gradi Celsius. Il problema principale di Aron è la completa oliguria, cioè l’assenza di urina. Inoltre, i suoi polmoni sono gravemente danneggiati. Tutto ciò che si può fare ora è somministrare una terapia infusionale e degli antidolorifici. Quali sono le possibilità di sopravvivenza? In termini percentuali, il 5%.

Autore

Show More

Related Articles

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker