Home Cucina e Ricette Orzo di Natale al latte di mandorla: la ricetta rivisitata dello julgröt

Orzo di Natale al latte di mandorla: la ricetta rivisitata dello julgröt

Raffaella Fenoglio è autrice di Tre civette sul comò, il primo foodblog con l’IG al minimo; è socia AIFB (Associazione Italiana Foodblogger).

Ligure con radici piemontesi, è una cuoca curiosa alle prese con tastiera e macchina fotografica.

Ama le cantine, le osterie e tutti i locali dove la genuinità degli ingredienti e la ricerca della tradizione conta di più dell’impiattamento.

Va matta per la pizza, il vino rosso e per il caffè senza zucchero. Odia la pasta al sugo, non parlatele di microonde e pentola a pressione.

Tra i suoi libri Pan e Pumata e la favola Storia degli strani animali (Edizioni Zem), il fantasy Gala Cox (Fanucci Editore), Un tè con Mr. Darcy (Ultra edizioni) e Abbasso l’indice glicemico! 54 ricette con l’IG al minimo edito da Terra Nuova.

Dopo averci “regalato” la ricetta del Potage bruno d’inverno, quella della Stroscia di farina d’orzodella pasta matta, del crumble ananas e noci, del fondente al cioccolato e cocco, dei dorayaki integrali, dei  waffle al pomodoro e della crema di carciofi con gamberi saltellanti, oggi ci offre una preparazione leggera e buonissima, perfetta per le feste natalizie.

La ricetta dell’orzo di Natale al latte di mandorla (julgröt a modo nostro)

La vigilia di Natale le famiglie svedesi servono tradizionalmente una ciotola di Julgröt o Risgrynsgröt per addolcire l’attesa e per accontentare il loro piccolo tomte.

Potreste aver visto i disegni di tomte che è una piccola creatura da libro di fiabe con la barba bianca e vestiti colorati porta regali alla vigilia di Natale.

Di solito, viene messa una piccola mandorla in cima alla ciotola e poi viene mescolata nel Risgrynsgröt.

La persona fortunata che trova la mandorla nella sua ciotola è la prima a sposarsi.

La mia versione vede l’orzo al posto del riso e il latte vegetale che sostituisce quello animale.

Ingredienti

Dose per 6 porzioni di dolce

  • 200 g orzo decorticato
  • 400 ml latte di mandorla
  • 800 ml acqua
  • 100 g zucchero di canna chiaro
  • 2 mele
  • Cannella

Per finire

  • 1 arancia bio
  • 40 g pinoli
  • Cannella
  • Zucchero di canna chiaro

Cottura

50 minuti

Preparazione

Buttate l’orzo nell’acqua bollente e aggiungete il latte di mandorla.

Fate cuocere 40 minuti a fuoco dolce mescolando di tanto in tanto. Nel caso occorresse aggiungete altra acqua calda.

Sbucciate e tagliate a pezzetti le mele, aggiungetele all’orzo assieme allo zucchero e a un pizzico di cannella, quindi fate terminare la cottura per altri 10 minuti.

Non preoccupatevi se dovesse essere ancora un po’ liquido, si rapprende raffreddandosi, benché rimanga sempre un dolce al cucchiaio e non rassodi del tutto.

Lasciate intiepidire e fare raffreddare nel frigo per un paio d’ore.

Quindi servitelo nelle tazze o nei piattini, guarnendolo con pinoli tostati, buccia d’arancia, cannella e un’altra spolverata di zucchero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Must Read

Azioni in borsa, cosa sono? Perché sono importanti? Tutte le spiegazioni

Per poter ben delineare il significato dell'espressione azioni in borsa, partiamo innanzitutto dalla definizione stessa di azione. Col termine azione, si intende la quota...

Quanto guadagna uno spazzino? In Italia, all’anno, stipendio netto

Se siete interessati a conoscere lo stipendio netto di un operatore ecologico italiano, siete giunti sulla giusta pagina. L'operatore ecologico, chiamato anche netturbino o spazzino,...

Chi è Giovannino di Tu si que vales? Età, altezza e “cafoncella”

Durante l'ultima edizione dello show televisivo "Tu si que vales", è apparso un curioso personaggio che ha dato filo da torcere all'attrice Sabrina Ferilli,...

Chi è Zelensky? Moglie, Crimea e Nato

Volodymyr Zelensky è l'attuale Capo di Stato dell'Ucraina. Alle spalle ha una carriera da attore ma dal 20 maggio 2019 è diventato presidente dell'ex...

Un finale del Campionato di Serie A che parla Lombardo

Erano anni che non si vedeva un campionato di Serie A così combattuto e incerto fino alla fine. Ci sono almeno tre squadre che...